21 Commenti

Peggiora la salute dei cremonesi: più malati di tumore e diabete

salute-cremonesi

La salute dei cremonesi peggiora: questo emerge dall’annuario statistico 2013. Il documento evidenzia prima di tutto un aumento del numero dei pazienti assistiti per malattie endocrine e metaboliche, che sono passati da 6.525 a 6.675. Anche i pazienti malati di tumore aumentano di numero, passando da 3.539 a 3.697, mentre i malati di patologie bronco-pneumologiche sono aumentati da 2.492 a 2.657. Incrementi, seppur in misura più contenuta, anche nel numero di pazienti diabetici (passati da 3.540 a 3.603), nonché di quelli in cura per disturbi neurologici (da 2.211 a 2.288) e malattie autoimmuni (da 714 a 792).
Tra le cause di morte, dominano malattie cardiovascolari e tumori che insieme sono responsabili di circa tre quarti dei decessi. Aggregando i dati dal 1998 al 2011 emerge che il 34% dei decessi è causato da tumori e il 40% da malattie cardiovascolari.
Tuttavia le cause di morte si differenziano notevolmente per età: mentre per gli anziani le malattie cardiovascolari sono dominanti, nell’età adulta (30-59 anni) sono i tumori la prima causa di morte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Yuri

    Ma si è allungata anche la durata media della vita delle persone. Perchè raccontare solo le negatività?

    • franco ex infermiere ospizio

      Yuri sei di una ignoranza spaventosa, mi fai letteralmente schifo.

      • Erin

        Solo ignoranza trapela da queste parole Yuri

  • un vecchio malato

    Caro Yuri è inutile vivere più a lungo se si vive peggio, leggi le statistiche …..e forse capirai …… mi sa che te vivi solo di polemiche, e nella tua vita probabilmente non hai ancora avuto problemi di salute , ma sappi che gli anni passano anche per te.
    prima di scrivere rifletti le sterili polemiche non aiutano nelle discussioni e documentati prima di scrivere .

  • Studente

    Bisogna essere vecchi e malati per vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto?
    La malattia, forse anche la morte, si combattono con un sorriso.

    • Una che legge

      ti dovrebbero amputare le dita, almeno smetteresti di scrivere cazzate… i sorrisi aiutano ma non guariscono nulla (con i tumori l’effetto placebo non funziona)… forse dovresti prevenire sorridendo… chiudendo l’inceneritore, facendo zone pedonali ed educando il cremonese a camminare e/o a comprare macchine ecologiche, intensificare i mezzi pubblici ELETTRICI o almeno eliminare le radiali vecchie… e perdonatemi se nomino l’innominabile… ma forse una doppia produzione a Spinadesco non aiuta molto i polmoni dei cittadini cremonesi…

      ah.. io non sono vecchia e neanche malata… e ti assicuro che ci sono molti giovani malati… che il bicchiere se lo mangerebbero pur di guarire

      un ultima cosa… prima di scrivere queste stronzate da totale ignorante… vatti a fare un giro da Arco… e fatti dire le statistiche comprendenti le età… e forse smetterai di ignorare i veri problemi…

      • Ma cosa leggi?

        La pensavano così anche le ragazze del III reich, che come lei, avrebbero tagliato le dita a tutti i dissidenti. Anche loro volevano un mondo perfetto, pulito e verde, Nrgli inceneritori non mettevano i rifiuti..

    • giuseppina

      studente mi sa che ti sei fatto una pera prima di dire una stronzata cosi grossa

  • Una che legge

    Vechio malato e Youri… le domande vere sono:

    le cause e le soluzioni???
    numeri preoccupanti… ma alla fine??? chi o cosa ha provocato questo aumento di tumori e malattie??? i numeri sono campanelli d’allarme… ma poi? cosa si deve fare per “prevenire” (parola che in Italia serve solo a riempire gli spazo vuoti delle frasi)…
    Cremona quasi come Taranto… finiremo per lavorare per morire o moriremo di fame!!!

  • un vecchio malato

    brava una che legge, condivido le tue esternazioni ,mi hai anticipato nella risposta, studente e yuri potete darvi la mano avete detto entrambi delle stronzate enormi a meno che siete la stessa persona perché non posso credere che ci siano persone cosi mediocri io mi auguro che un giorno non vi capiti quello che sto vivendo io, vergognatevi, le vostre provocazioni sono intollerabili ma se veramente ragionate cosi dovreste farvi curare alla testa e presto.
    ho insegnato nelle scuole per molti anni ma di irresponsabili cosi che offendono che ha problemi di salute non ne ho mai visti

  • franco ex infermiere ospizio

    Yuri sei di una ignoranza spaventosa, mi fai letteralmente schifo

  • Razza umana

    Davvero sconvolgente, basta poco a scatenare l’intolleranza. Tutti pieni d’amore solo con i propri valori per il resto tonnellate d’odio. Questa è la profonda Provincia, ragazzi, voi che lo potete scappate, ed imparate ad amare.

  • Una che legge

    Ma cosa leggi?

    te lo dico io cosa leggo… le cazzate che scrivi… perchè sei solo un giovane pirla che un domani quando (e se mai lo diventerai) uomo… potrai fare solo che ulteriori danni…

    pirla!

    • Leggi cose sane

      Ampia cultura ed educazione da invidiare.

  • Yuri

    Ulteriore balzo in avanti della speranza di vita alla nascita in Italia: secondo quanto rileva l’Istat, gli uomini raggiungono il livello di 79,1 anni (+0,3 rispetto al 2009), le donne quello di 84,3 anni (+0,2). Prosegue, dunque, il processo di riavvicinamento degli uomini alle donne per quel che interessa le condizioni di sopravvivenza.
    La differenza di genere, che raggiunse il massimo di 6,9 anni nel 1979, risulterebbe oggi ridotta a soli 5,2 anni. Non e’ per nulla un paradosso che un Paese in cui un neonato puo’ contare di vivere cosi’ a lungo come in Italia, e’ soprattutto un Paese dove in primo luogo migliorano le condizioni di sopravvivenza della popolazione anziana. All’eta’ di 65 anni la speranza di vita residua e’ nel 2010 di 18,3 anni per gli uomini (+0,2 sul 2009) e di 21,9 anni per le donne (+0,2).

  • marco

    Yuri non basta leggere gli articoli bisogna anche comprenderli, è vero che si vive di più ma rispetto ai dati istat guardati anche i dati ISDE nazionali con le tabelle formulate da medici e forse capirai, che i problemi di salute che rendono la vita non più autonoma, iniziano ben 10 anni prima per le donne e 8 per gli uomini, quindi Yuri leggere non basta bisogna anche capire e dai tuoi commenti ritengo che sei troppo ignorante per affrontare il tema seriamente,
    Ho letto la tua risposta irresponsabile a un vecchio malato che diceva Caro Yuri è inutile vivere più a lungo se si vive peggio .
    tu gli hai risposto in modo sprezzante
    Ma si è allungata anche la durata media della vita delle persone. Perchè raccontare solo le negatività?
    Chiunque dotato di umanità legge quanto tu hai scritto inorridisce da tanta superficialità e mancanza di rispetto per gli ammalati.

    • Yuri

      Io non ho risposto a nessuno, ho solo detto che insieme a dati negayivi vene sono anche di positivi. Bisogna nasconderli perchè altrimenti si offende qualcuno?

      • Yuri

        negativi ve ne sono .. la tastiera..

    • Razza Umana

      Ma Marco è un Profeta, sa chi sa e chi non sa e dispensa verità.
      Davvero umano.

  • 23-02-1925

    L’è mèi scampàa da véc che móorer gióovin

    • giuseppina

      E ME TE DIGHI LE MIE MANGIA EN SUREC CHE MORER DE FAM