2 Commenti

Mini? Per i cremonesi l'Imu è un salasso Pagamenti entro venerdi 24

panorama cremona

L’avranno anche chiamata miniImu ma per i cremonesi il pagamento da effettuare entro venerdì prossimo non è per niente leggero, anche tenendo conto di quanto hanno già dovuto sborsare nel salasso di fine anno e di gennaio (Tares, canone televisivo e altro). Per una casa di tipo civile, categoria catastale A2 i cremonesi dovranno pagare il 6%, pari a 74 euro. Nelle città di piccole dimensioni siamo tra quelle che pagano di più: siamo infatti al 24° posto assoluto in Italia. Piacenza, tanto per restare vicino, paga pochissimo: solo il 4,80% pari a 30 euro. Non va certo meglio per le abitazioni di tipo economico qui a Cremona: anche qui la percentuale è del 6% e i cremonesi pagano 43 euro. Siamo al 27° posto assoluto: i piacentini pagano molto meno di noi (4,90% pari a 26 euro) e i pavesi (4,80%, pari a 18 euro).

Su oltre 100 Comuni capoluogo di regione, ben 48 applicheranno la cosiddetta “Mini Imu”. E secondo la CGIA di Mestre a pagare di più saranno i proprietari di prima casa residenti a Milano, seguono quelli di Genova e di Torino. Per un’abitazione di tipo civile (categoria catastale A2) a Milano il versamento medio sarà di 200 euro, a Genova di 158 e a Torino di 152. Per un’abitazione di minor pregio, vale a dire una di tipo economico (categoria catastale A3), gli importi saranno più contenuti. Anche in questo caso a versare di più saranno i milanesi, con 87 euro, seguono i senesi, con 84 euro e i genovesi, che saranno chiamati a “sborsare” 83 euro.

I calcoli, fa notare la CGIA, sono stati effettuati a partire dalle rendite medie catastali delle abitazioni di questi Comuni e sono state considerate le abitazioni di tipo civile (categoria catastale A2) e le abitazioni di tipo economico (categoria catastale A3). La CGIA ricorda che queste due categorie catastali costituiscono oltre il 70% del totale delle prime abitazioni presenti in Italia, mentre l’entità dell’esborso dipende sia dall’aliquota deliberata sia dalla rendita media presente nel territorio del Comune analizzato. Pertanto, al crescere di queste due variabili aumenta l’aggravio per il contribuente. In tutti i casi analizzati si è tenuto conto solo della detrazione fissa di 200 euro per ciascun immobile.

La scadenza, prevista entro il prossimo 24 gennaio, interessa i proprietari di abitazioni principali situati in quei Comuni che hanno deliberato per il 2013 un’aliquota IMU superiore all’aliquota base del 4 per mille. Questi contribuenti dovranno versare il 40% della differenza tra l’ammontare dell’IMU risultante

dall’applicazione della maggiore aliquota IMU deliberata dal Comune e quella del 4‰.

Dei 48 Comuni che nel 2013 hanno ritoccato all’insù l’aliquota base, ben 23 l’hanno portata al valore massimo del 6 per mille. Tra questi troviamo Milano, Siena, Napoli, Caserta, Catania, Ancona, Messina, Perugia, Brescia, Alessandria, e ovviamente Cremona.

“I proprietari– segnala Giuseppe Bortolussi segretario CGIA – hanno la percezione, anche a seguito del forte calo del valore economico registrato dagli immobili in questi ultimi anni, che la prima casa non costituisca più quel bene rifugio che da sempre ha caratterizzato la principale modalità di risparmio di moltissime famiglie italiane. Per molti la casa è diventata addirittura un incubo, perché tra Imu, Tasi, Tares e maggiorazioni varie si è chiamati a pagare sempre di più senza avere nulla in cambio”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giulio

    Che bel regalo proprio prima delle elezioni, doveva essere la Giunta del cambiamento invece non è cambiato nulla. Solo tasse e qualche pasticcio, per il resto la solita Cremona che si spegne poco alla volta.

  • Lettore qualunque

    Il 6% è la stessa aliquota che ha applicato Pizzarotti anche a Parma.
    Per chi non lo sapesse Pizzarotti non è un tramezzino dell’autogrill ma il sindaco di Parma, noto come sindaco grillino.