Un commento

Niente treni nuovi sulla Mi-Cr-Mn: Rabbia e delusione tra i pendolari

pendolari-evid

Esplode la rabbia dei pendolari della linea Mantova-Cremona-Milano in seguito alla notizia che nessuno dei 63 treni promessi dall’assessore Del Tenno arriverà sulla tratta in questione. Moltissimi sono i commenti apparsi su Facebook in poche ore, a partire da chi lascia un secco e rabbioso “Non ci sto” a chi evidenzia: “Siamo stufi di essere presi in giro con un balletto di dichiarazioni e nessun fatto”.
Moltissimi sono i disagi che vengono elencati da chi quotidianamente deve viaggiare in condizioni pessime: “Le carenze e lacune sono sia di tipo infrastrutturale (binari, guasti, passaggi a livelli, scambi, ecc.) sia numerico (pochi vagoni rispetto al numero dei passeggeri) – scrive un membro del gruppo -. Per non parlare di riscaldamento ed illuminazione, che l’altra sera erano assenti in alcune carrozze…”.
“I nostri treni fanno schifo” rincara la dose un altro viaggiatore. “A prescindere dai ritardi, viaggiare su convogli troppo caldi o troppo freddi è veramente pesantissimo e molto, molto difficile da sopportare”.
“L’unica cosa comoda che avevano le carrozze erano i sedili, e di conseguenza li hanno sostituiti con sedili scomodi” aggiunge una terza persona. “Sembra l’abbiano fatto apposta”.
Anche la politica interviene in merito a una situazione che da troppo tempo si trascina senza soluzioni concrete. “La triste vicenda pendolari apre uno squarcio sull’incapacità della nostra città a trovare alternative valide a situazioni di cronico disagio” scrive in un comunicato il candidato alle primarie del Psi, Paolo Carletti. “La linea Milano Cremona Mantova,  non rappresenta certo il futuro dei collegamenti con il capoluogo lombardo, il quale invece va raggiunto secondo quelle direttrici  che hanno visto i maggiori sviluppi negli ultimi decenni cogliendo le enormi occasioni offerte da Expo 2015.
Il Ministero delle infrastrutture ha comunicato che Expo 2015 ha messo a disposizione di opere infrastrutturali la somma di 5,3 miliardi di euro, noi vogliamo perdere anche questa occasione? Piacenza ha ottenuto la costruzione di una “metropolitana veloce” con corse per Milano ogni 30 minuti; come non pensare ad un prolungamento di quel collegamento fino a Cremona? i binari ci sono già e per di più da un paio di anni del tutto inutilizzati, si tratterebbe di allungare la corsa di 25 chilometri per mettere in rete 3 città, l’occasione non ci può sfuggire.
Come non sfugge il tremendo ritardo con cui Cremona si sta avvicinando all’Expo se pensiamo che all’oggi il Comune ha iniziato a lavorare sul progetto “Verso l’Expo Cremona tra musica e fiume” le cui azioni sembrano tanto evanescenti quanto inutili ed in cui non ha creato affatto quel sistema di sinergie necessario ad un progetto serio ed ambizioso come merita l’occasione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pinco pallino

    ma
    che cosa vi potevate aspettare da questi signori……..che forse vanno
    e vengono da milano in suv……………….???

    Loro non hanno orari e nemmeno tanti problemi……o NO…?

    E che dire della influenza della politica locale sempre bene attenta alla locazione delle poltrone….poltronifere……..comode ….. .comode……………..!!!???
    Expo 2015…….un miraggio nel deserto…..padano………..!!!
    la MAGNA PHASELUS naviga a vista………….!!!!