Un commento

Abbattimento barriere architettoniche: lavori per 5.300 euro

barriere-architett

Nella foto: via Manzoni e Largo Paolo Sarpi

Stanziati dal Comune 5.363 per finanziare lavori di abbattimento delle barriere architettoniche in alcune zone di Cremona: in particolare gli interventi verranno fatti sui marciapiedi lungo la via Boschetto (edicola-scuola), via A. Manzoni, via Ca’ del Vescovo e Largo Paolo Sarpi. I lavori prevedono la realizzazione di scivoli di raccordo tra la quota strada e la quota del marciapiede, nonchè la demolizione e la ricostruzione di tratti di marciapiede. “Considerato che l’Amministrazione comunale intende promuovere l’inserimento occupazionale di persone svantaggiate, attraverso l’affidamento di contratti alle Cooperative Sociali di tipo “B” – si legge nella delibera comunale -, sono state contattate due cooperative sociali, invitandole a presentare offerta, come da documentazione in atti. E’ pervenuta un’unica offerta presentata dalla Società Cooperativa Sociale Onlus Carità e Lavoro di Cremona, che ha indicato un ribasso dell’1% sull’elenco prezzi unitari, per un importo di euro 5.061,30 (+ Iva)”; i lavori sono quindi stati affidati a quest’ultima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Luca

    è inutile eliminare le barriere architettoniche quando con questa raccolta differenziata messa in piedi da 4 dilettanti i marciapiedi sono pieni tutti i giorni di pattumiere e rifiuti!

    A parte il colpo d’occhio orribile per i turisti che girano per la città e che si fanno l’idea di una città sporca e maltenuta, diventano un problema per chi deve camminare sui marciapiedi, con o senza carrozzella e con o senza passeggini!!! Sarebbe utile che questa testata facesse un articolo pubblicando qualche fotografia di Corso Garibaldi e zone limitrofe (via Varo e via Volturno per esempio dove già i marciapiedi fanno schifo!).

    Poi arriverà l’estate e questa differenzia ci porterà anche dei bei profumi…

    Ci sono posti dove si puo’ organizzare e altri dove è oggettivamente da dementi farla, per ovvi motivi logistici… ma certo la logica non appartiene a questa casta…