Commenta

Via Persico, lavori anche di notte Giovedì sopralluogo della giunta

via-persico-evid

Nella mattinata di giovedì la Giunta comunale di Cremona compirà una sopralluogo al cantiere del sottopasso ferroviario di via Persico per verificare l’andamento dei lavori di questa infrastruttura. Saranno presenti anche i tecnici impegnati nell’opera, i cui lavori stanno procedendo a ritmi serrati. “Abbiamo iniziato anche turni di notte per accelerare il più possibile e rispettare le tempistiche previste, nonostante il maltempo dei giorni scorsi ci abbia rallentato non poco – sottolinea l’assessore ai lavori pubblici, Francesco Zanibelli -. I finanziamenti europei che abbiamo ottenuto grazie alla progettualità di eliminazione dei passaggi a livello richiede un rigido rispetto delle tempistiche, per cui entro la fine dell’anno la maggior parte dei lavori dovrà essere finita”. Gli scavi, del resto, sono già iniziati da un paio di settimane, e per ora procedono senza intoppi: obiettivo del Comune è terminare la parte infrastrutturale del lavoro entro maggio, per poi avviare il collaudo della struttura e renderla operativa. Subito dopo prenderanno il via anche i lavori in via Brescia, il cui progetto è già allo stato esecutivo: “Abbiamo voluto evitare di chiudere in contemporanea le due strade parallele, per limitare il più possibile i disagi alla cittadinanza: per questo chiuderemo via Brescia solo dopo aver riaperto via Persico” evidenzia l’assessore.

Intanto proseguono anche i lavori per l’eliminazione del passaggio a livello di San Felice, che nei giorni scorsi sono stati oggetto di polemiche da parte dei residenti. Polemiche a cui l’assessore Zanibelli tiene a dare una risposta: “I residenti chiedevano di realizzare un sottopasso per biciclette e pedoni, ma questo tipo di intervento sarebbe troppo complesso, oltre che rischioso per via degli allagamenti che potrebbero verificarsi. Per questo la scelta migliore è che bici e pedoni transitino sul sovrappasso, naturalmente su corsie opportunamente dedicate. Tra le opere compensative abbiamo previsto l’allargamento della strada che collega San Felice e San Savino, in modo da migliorare le condizioni di manovra. Inoltre la struttura del sovrappasso è leggermente fuori asse, in modo che la strada di passaggio attuale potrà essere utilizzata fino all’apertura definitiva del sovrappasso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti