Politica
Commenta16

Tariffe agevolate per teleriscaldamento in alloggi Erp, consiglio unanime

“Assurdo richiedere bollette alte e poi fare la carità alle famiglie per pagargliele”: con queste parole il consigliere comunale Ferdinando Quinzani ha presentato la propria mozione, passata in consiglio provinciale con 28 favorevoli e due astenuti, in cui si proponeva un atto di indirizzo per inserire, nel protocollo recentemente sottoscritto tra Aem e Comune, l’applicazione di una “tariffa significativamente agevolata” per gli inquilini degli alloggi popolari. “L’importo delle utenze deve essere calcolato sulla base delle effettive possibilità della famiglia”. Questo per evitare che Comune, inquilini e la stessa Aem rincorrano senza esito una situazione evidentemente complicata, come sta avvenendo da oltre un anno. “Da una parte – afferma Quinzani – c’è Aem che sostiene che le proprie responsabilità sugli impianti si fermano prima dell’ingresso dei tubi nelle abitazioni. Dall’altra il teleriscaldamento si è rivelato una modalità troppo costosa per le persone che accedono ad una casa popolare. Di mezzo sta il Comune, chiamato ad integrare con fondi propri una situazione sempre peggiore. Si è capito da tempo – continua il consigliere – che una soluzione definitiva in tempi brevi, ad esempio intervenendo sull’impiantistica, è impossibie. Per questo ritengo che sia urgente trovare una situazione che eviti, con il prossimo autunno, di trovarci di fronte agli stessi problemi che abbiamo visto in questi mesi”.

“E’ illogico – recita la mozione – che i cittadini prima vengano messi in difficoltà addebitando loro costi energetici elevati, comunque superiori alla propria capacità di farvi fronte, e poi si debba intervenire economicamente in loro favore per risolvere il problema; pare invece più giusto sia sul piano sociale e soprattutto della dignità delle persone oltreché sotto il profilo dello snellimento delle procedure, evitare o comunque mitigare l’insorgere del problema anziché dover intervenire in emergenza per risolverlo”. La mozione impegna “AEM Gestioni tramite la catena di controllo della medesima, in base al quale venga istituita una tariffa significativamente agevolata del servizio di teleriscaldamento da assegnare a tutti i contratti di utenza di alloggi di edilizia residenziale pubblica. Si impegna il Sindaco e la Giunta a modificare il protocollo d’intesa sopra citato in modo da recepire queste linee politiche e a rendere effettivo l’indirizzo approvato in tempo utile per la prossima stagione autunnale”.

Una posizione che ha avuto il consenso di buona parte del consiglio comunale: “C’è una responsabilità del Comune e di Aem rispetto alla situazione di difficoltà che si è creata, da cui sembra difficile uscire – dichiara il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Maura Ruggeri -. Forse allora la soluzione proposta dal consigliere Quinzani potrebbe andare nella direzione di un abbattimento dei costi”.
“Invece di risolvere un problema bisogna prevenirne il presentarsi – aggiunge Daniele Burgazzi (Pd) – Una tariffazione diversificata a fasce di reddito può essere la scelta più adeguata”.

L’assessore Luigi Amore, dopo aver evidenziato che i casi problematici sono 100 di cui 60 negli alloggi Erp e 40 in edilizia privata. Dei 60 in questione solo 20 utilizzano il teleriscaldamento, ha dichiarato di condividere i contenuti della mozione, ricordando che “è però necessario maggior rigore nei controlli in quanto è fondamentale che gli aiuti vengano dati a chi davvero ne ha necessità”. Ha quindi chiesto che “il consiglio comunale si impegni a inserire i criteri per la contribuzione alle utenze delle famiglie in difficoltà nel momento in cui verrà votato il nuovo regolamento sulle problematiche abitative”.

A questo proposito Quinzani ha modificato la propria mozione, trasformandola in emendamento, dopo una breve riunione con gli altri capigruppo e con l’assessore Amore. “Il Consiglio comunale si impegna ad inserire nel regolamento sulle problematiche abitative, al capitolo 5, interventi economici a sostegno delle utenze in cui si intraprenda un percorso finalizzato a istituire delle agevolazioni tariffarie per gli utenti degli alloggi erp che utilizzino il teleriscaldamento” recita il nuovo documento, che è poi stato approvato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti