2 Commenti

Pd con i sindacati: 'Comune apra confronto su scelte di bilancio'

Comune

Anche il Pd spinge per “l’apertura del confronto sulle scelte di bilancio” dopo l’attacco dei sindacati Cgil, Cisl e Uil al Comune (“denunciamo l’arroganza dell’amministrazione comunale che nega il confronto sindacale sul bilancio previsionale 2014 e chiediamo che vengano garantite le stesse risorse economiche del 2013 destinate ai servizi alle persone e alle famiglie” – vedi link in basso).

“L’appello dei Sindacati confederali ai Capigruppo ed al Presidente del Consiglio riguardante l’apertura del confronto sulle scelte di bilancio non può restare senza risposta perché le preoccupazioni manifestate dai Sindacati sono forti e fondate – si legge in una nota del capogruppo Pd in Consiglio comunale Maura Ruggeri -. L’Amministrazione Perri ha portato al massimo la pressione fiscale sui cittadini, ha aumentato rette e tariffe infierendo  in particolare sui servizi educativi producendo la fuga dai nidi e dalle mense scolastiche  per i costi eccessivi per le famiglie. Cosa ci dobbiamo aspettare ancora? Quali altri servizi  servizi importanti per le famiglie e le persone  devono subire analogo trattamento?”

“Le risorse per i servizi sociali destinate a sostenere gli anziani non autosufficienti, i minori da tutelare, le famiglie in difficoltà sono ridotte all’osso – aggiunge Ruggeri – e non è possibile immaginare ulteriori tagli. Sottoscriviamo in pieno quindi la richiesta, che è anche la nostra, di salvaguardare l’ambito del sociale e di non tagliare  ulteriormente le risorse destinate  alle povertà ed alle fragilità Dichiariamo la nostra piena disponibilità all’incontro con i Sindacati  e chiediamo, a nostra volta, al Sindaco di aprire un confronto preventivo sugli indirizzi che l’Amministrazione intende adottare sul bilancio e  che questo non avvenga a giochi fatti come è sempre accaduto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Cremonese

    Il PD di Cremona non c’entra nulla con Renzi. Invece di proporre un taglio importante degli 800 dipendenti del Comune (in Germania sarebbero la metà), si aggrappa ai sindacati. Difficile pensare ad una ripresa di Cremona, a destra il nulla ed a sinistra lo stesso….povera Cremona.

  • pinco pallino

    CHI HA IL CORAGGIO…. di rivedere le retribuzioni dei dirigenti ( altro che premi ) e di proporre la ottimizzazione dei servizi……fatta da tecnici veri…………..??