Commenta

Tutela dei negozi storici, in arrivo agevolazioni fiscali

cremona-dall'alto

La Giunta comunale ha assegnato al Consiglio comunale l’atto di indirizzo sulle misure per la tutela e la valorizzazione dei negozi storici di Cremona attraverso delle agevolazioni fiscali.
“Con l’atto di indirizzo, che verrà trattato in sede di commissione consiliare il 31 marzo prossimo, il Comune di Cremona, per contribuire a  tutelare e valorizzare l’importante patrimonio di interesse pubblico costituito dalle attività commerciali che sono presenti nel tessuto urbano da almeno cinquant’anni anni, e che fanno parte della storia e della tradizione cittadina, intende concedere speciali agevolazioni sui tributi locali  ai  proprietari e gestori di  esercizi commerciali, che hanno ottenuto da Regione Lombardia il riconoscimento di ‘negozi storici’, per una delle tre tipologie previste dalla Regione: ‘insegna storica e di tradizione’, ‘negozio/locale storico’, ‘storica attività’ – spiega il consigliere comunale con delega al Commercio Domenico Maschi -. Le agevolazioni potranno essere applicate a tutti i tributi comunali che gravano sugli immobili sede di negozi storici e sulle relative attività,  se ed in quanto compatibili con le norme sovra comunali vigenti”.

L’entità delle riduzioni  sarà stabilita in sede di approvazione dei provvedimenti che dispongono in merito alla disciplina e alle  tariffe relative a ciascun tributo e potrà essere differenziata, in base alla qualifica attribuita al negozio, in modo da riservare  le agevolazioni maggiori agli esercizi compresi nella categoria più importante delle insegne storiche e di tradizione, che comprende i  punti vendita con caratteristiche di vera eccellenza.

L’atto di indirizzo prevede inoltre che l’Amministrazione comunale metta a disposizione, attraverso lo Sportello unico per l’edilizia, un servizio di consulenza e  supporto tecnico-amministrativo  per l’esecuzione di opere di adeguamento alla normativa igienico-sanitaria, ambientale, antinfortunistica, di sicurezza, nonché di trasformazione tecnologica e di ristrutturazione e restauro degli immobili che ospitano esercizi storici, nonché dei relativi  arredi e delle antiche insegne.

Il Comune potrà stabilire, anche attraverso il Distretto del commercio, ulteriori misure a favore  di queste attività, sia per garantirne l’ulteriore conservazione nel tempo, sia per svilupparne la promozione, in ambito turistico e culturale.
Tali misure possono comprendere: facilitazioni e/o deroghe particolari per il restauro o l’installazione di elementi di arredo urbano, e di impianti pubblicitari, connessi  ai negozi storici riconosciuti, anche attraverso l’adozione di norme speciali,  da inserire nei relativi regolamenti;  interventi in materia di segnaletica, di transito e di sosta veicolare in prossimità di talune tipologie di negozi storici, tendenti a creare condizioni di circolazione e visibilità adeguate alla loro immagine, compatibilmente con le esigenze generali; realizzazione di materiale pubblicitario e documentario  sui negozi storici; promozione  dei negozi storici  cremonesi anche attraverso internet; partecipazione e/o sostegno alle iniziative tese alla promozione e valorizzazione  degli esercizi storici cremonesi; incentivazione  di iniziative dirette a  mettere in rete fra loro i negozi storici di Cremona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti