Commenta

Vanoli prevale su Grissin Bon per 96 a 94

vanoli-evid

Splendida partita al PalaRadi, intensa vibrante  di fronte ad un pubblico entusiasta sia cremonese che reggiano. Ha prevalso 96-94 la Vanoli sulla Grissin Bon Reggio Emilia. Ora a cinque giornate dalla fine Cremona  è ad un passo dalla salvezza matematica. Le basterà vincere in trasferta domenica a Pesaro lo scontro diretto con più di tre punti per aver centrato il suo obiettivo.

La Grissin Bon prende già  al primo minuto  5 punti di distacco che restano il suo   massimo vantaggio acquisito nel corso del primo periodo. I biancoblu che rimangano sempre a debita distanza passano in testa 24-22 al 9’ ma gli ospiti impattano al 10’ 24-24.  Super Chase ad inizio secondo periodo , non sbaglia nulla da tre e da due (13 punti con tre” bombe”) e manda in tilt  Reggio Emilia.  Kaukenas perde la testa, prende tecnico ed antisportivo ed il capitano Ndoja infila quattro tiri liberi ed il punteggio al 14’ 43-30.

L’esperienza di roy Bell rimette Reggio Emilia in carreggiata 46-40 al 17’. L’inarrestabile White realizza dalla distanza un paio di tiri consecutivi  (17 punti per lui) e la Grissin Bon resta in scia. 52-46 all’intervallo. E’ sempre White a tenere in partita i biancorossi  ma poi si innervosisce si becca un “tecnico” per  proteste che si identifica nel 1uarto fallo e si siede in panchina. La compagine di coach Pancotto gioca di squadra con Rich in evidenza 68-60 al 26’. Cinciarini e compagni mostrano la forza soprattutto a livello individuale ma la Vanoli c’è con Chase e Zavackas 74-65 al 28’. Funziona benissimo il tiro da tre punti per la Vanoli, Chase è ancora protagonista con la quinta “bomba” e 83-70 al 30’.

Altra svolta del match al 32’ White (27 punti per lui!)  commette il suo quinto fallo. Cremona rallenta il ritmo e controlla la situazione rispondendo ai rapidi canestri dei reggiani ma questi con Troy Bell recuperano a meno 4 al 37’ 92-88. Si nota il calo fisico de padroni di casa Rich al 39’ esce per cinque falli e Bell sigla il 92-90. Parità a 30 secondi dalla sirena, Woodside e Kaukenas senano 94-94 a 18” dalla fine. Ok i due tiri liberi di Zavackas ed è vittoria perché Reggio Emilia sbaglia l’ultimo tiro del sorpasso.

Marco Ravara

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti