2 Commenti

Zagni: volontari al parcheggio ospedale per tenere lontani abusivi

zagno abusvi-evid

Sul tema del parcheggio dell’ospedale interviene Alessandro Zagni, candidato sindaco Lega Nord e Cremona Libera con Zagni. “Apprendo con favore del blitz, da parte della polizia locale e dei carabinieri, contro gli stranieri che fanno commercio abusivo al parcheggio dell’ospedale. Il fenomeno, presente in città, però va stroncato iniziando a debellare i fornitori e l’intera rete che alimenta questi venditori extracomunitari, facendo come ha fatto Tosi a Verona.

“Nel caso dei parcheggi dell’ospedale – afferma Zagni – la situazione è del tutto inaccettabile, considerato il luogo e l’atteggiamento maleducato, talvolta anche aggressivo, da parte degli abusivi. Per affrontare il problema, faccio una proposta concreta e di buon senso: perché non affidiamo la sorveglianza di uno dei due parcheggi a un’associazione di volontariato, magari una di quelle che già operano nell’ospedale? La presenza costante di personale attraverso la gestione del parcheggio da parte di chi fa volontariato allontanerebbe i venditori abusivi, inoltre gli automobilisti anziché vedersi costretti a riconoscere l’elemosina a extracomunitari che alimentano il racket, potrebbero offrire il proprio contributo ad una associazione i cui scopi sono nobili e senza fini di lucro.

Un simile provvedimento, se rinforzato da una presenza più frequente – non come accade ora – delle forze dell’ordine, sono sicuro porterebbe finalmente a risolvere il problema dei venditori abusivi. Nel contempo, si raggiungerebbe un secondo, importante risultato: chi utilizza il parcheggio dell’ospedale avrebbe l’opportunità di offrire un piccolo contributo a un’associazione che fa del bene alla nostra comunità. Due ottime ragioni, dunque, per provarci.

Nel mio programma elettorale – conclude Zagni – miro al coinvolgimento di privati cittadini volenterosi e di associazioni, per affidare loro la cura delle piccole cose della città: il verde nei parchi, animazione, attraversamenti pedonali ecc. I nostri concittadini che si rendono disponibili per un servizio alla collettività vanno gratificati attraverso anche piccoli contributi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Guest

    Trovo molto interessante la proposta del Dottor Zagni di coinvolgere la cittadinanza nella cura e nella manutenzione del bene pubblico, la rivoluzione culturale di cui molti parlano deve partire proprio dai comportamenti individuali, occorre coltivare il senso di appartenenza del territorio sempre più forte

  • BillyBalle

    Trovo molto interessante la proposta del Dottor Zagni di coinvolgere la cittadinanza nella cura e nella manutenzione del bene pubblico, la rivoluzione culturale deve partire proprio dai comportamenti individuali, sempre più orientati a diffondere un profondo senso di appartenenza al territorio e uno spirito di collettività a tutt’oggi assente nella nostra cultura. Senza queste premesse sarà difficile poter attuare qualsiasi progetto rivolto ad un vero cambiamento sia politico, sia sociale.