Un commento

Incuria per i busti sotto il Comune L'appello: "Che almeno vengano ripuliti"

busti-evid

Si parla ancora di incuria sotto il palazzo del Comune (cortile Federico Secondo): nell’approssimarsi del giorno della commemorazione di una data storica come il 25 aprile, la storia cremonese appare quantomai sbiadita e vittima di anni di mancata manutenzione. A partire dal Busto di Giovanni Cadolini, rovinato e con la scritta sottostante semicancellata. A fare la segnalazione è Matteo Tomasoni, cittadino cremonese e già membro dell’Unione consumatori.

Sempre sotto i portici del Palazzo Comunale – segnala ancora Tomasoni – si trovano altri busti e targhe di illustri personalità come: Pietro Vacchelli, Ettore Sacchi, Geremia Bonomelli, Angelo Bargoni, Giovanni Cazzani, Leonida Bissolati, Cesare Battisti, Angelo Ghisleri ed altri. Ricorre quest’anno, il centenario della morte del Vescovo Geremia  Bonomelli, il busto a lui dedicato, è in condizioni pietose. “Anche in questo caso, a favore del decoro e dell’estetica busti e targhe andrebbero semplicemente ripuliti dal guano dei piccioni e ritoccati in modo da rendere le scritte leggibili” scrive ancora il cittadino. Infine, ai lati dell’ingresso “Servizio di Promozione Turistica” i tre gruppi a muro di lampade antiche a forma di coppa “sono in brutte condizioni, andrebbero ripulite/riordinate come quelle poste ai lati di ingresso del bar” conclude Tomasoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo c.

    Il problema è che a Cremona i piccioni si sono proliferati in modo esponenziale.
    E in alcuni casi creano situazioni di pericolo, in quanto tendono a volare a pochi centimetri da noi… Solo un rimedio: STERILIZZAZIONE.