Un commento

Lanfredi: "Assente da confronto tra candidati perché non invitata"

cinquestelle-evid

All’indomani del confronto (leggi qui) organizzato dal Forum provinciale del III Settore e Cisvol tra i candidati alla poltrona di sindaco, la candidata – portavoce del Movimento 5 stelle Maria Lucia Lanfredi  dichiara di non essere mai stata invitata al confronto. “La cosa mi dispiace, perchè sembra quasi che i 5 stelle non abbiano niente da dire sul tema – che invece è cruciale –  dei rapporti col mondo del volontariato. Abbiamo idee ben precise, che ci sarebbe piaciuto poter condividere con le associazioni, ispirate ai criteri di equità, uguaglianza, centralità della persona, efficienza e trasparenza. E per andare incontro  alle nuove povertà, pensiamo di applicare il modello Parma, nel quale le famiglie che non riescono a pagare le bollette vengono aiutate dalla collettività offrendo in cambio servizi di pubblica utilità. Una banca delle ore insomma”. Un modello quest’ultimo già sperimentato anche dall’attuale amministrazione in carica a Cremona, che i 5 Stelle vorrebbero implementare.

Lanfredi punta il dito contro l’invito mancato: “Oltre a me, mancavano altri due candidati, Mirko Seniga e Carmine Scotti. So che quest’ultimo aveva un impegno, ma per quanto mi riguarda, io ero a casa a correggere i compiti e avrei potuto benissimo partecipare, se mi avessero chiamato”.

Intanto continua la raccolta di candidature di M5S per l’eventuale carica di assessore. Si può mandare il proprio curriculum a: info@m5scremona.com; maria.lucialanfredi@libero.it, marialucialanfredi, casella postale 42, 26100 Cremona. Una metodologia questa attuata anche in altri comuni d’Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia sciacca

    l’organizzatori dal Forum provinciale del III Settore e Cisvol dovevano invitare anche i 5 stelle, in ogni caso sappiate cari Signori che questi comportamenti non sono seri ,mi auguro che il responsabile del terzo settore, chieda scusa al più presto ai 5 stelle di cremona , non è tollerabile snobbare un movimento che alle ultime politiche si è conquistato tramite elezioni il primato, di primo Partito in Italia con il 25,7% dei voti .