Commenta

Studenti dell'Einaudi al maneggio, successo per il progetto

AGROPOLIS

Nella mattinata conclusiva del progetto “School Ride…. Insieme al maneggio”, dell’Istituto Einaudi di Cremona, i ragazzi dell’Einaudi hanno presentano la “Disciplina del comportamento” nelle attività progressive di interazione con il cavallo. Il progetto ha coinvolto non solo gli alunni e le alunne con disabilità, ma anche le loro classi. Si è sviluppato in un contesto alternativo a quello tradizionale dell’aula: le scuderie del centro equestre “La Gazza” di San Pedretto Piacentino, dove l’istruttore federale Fise II° livello, Dalmazio Bertulessi, autore e docente del progetto D.d.C. insieme ai cavalli, ai collaboratori della scuderia e ai numerosi ed appassionati “cavallerizzi volontari” ha guidato con grande professionalità i ragazzi ad acquisire competenze sia nell’area relazionale, che in quella psicomotoria. Con il cavallo ‘si impara a fare, a saper fare e a saper far fare’ in un clima armonico e privo di conflitti.

La finalità ultima del progetto è quella di creare una rete di relazioni che favorisca e sostenga l’inclusione di ragazzi in situazione di disabilità attraverso il coinvolgimento fattivo di tutte le componenti coinvolte nel processo educativo. Ai ragazzi dell’Einaudi, accompagnati dal Preside, Prof. Carmine Filareto e dagli insegnanti coordinati dalla Professoressa Mariastella Campanile si sono aggiunti quelli di Agropolis, in compagnia degli educatori e del Vice Presidente Alceste Bartoletti.

Il progetto inserito nella manifestazione “Diversamente uguali” della Cooperativa Sociale Agropolis e sostenuto dalla Banca Popolare di Cremona, attraverso la sua Fondazione ha avuto un grande successo sia per i risultati ottenuti che per la nutrita ed appassionata partecipazione, come ha sostenuto il dott. Mauro Molinari, Capo Area dell’istituto di credito presente alla mattinata. Al termine un momento conviviale per tutti i partecipanti, ottimamente organizzato dal Centro Equestre “La Gazza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti