Commenta

Judo per disabili, successo per il 'Torneo dell'Allegrezza' al Kodokan

kodokan-evid

Foto Sessa

Si è svolto presso il Kodokan di Cremona il  “Torneo dell’Allegrezza” evento conclusivo dell’anno per l’attività di judo del Kodokan Cremona per allievi con disabilità. Cremona è infatti centro di riferimento per il Judo disabili. La manifestazione, che è alla sua 30esima edizione, è iniziata nel 1984 grazie alla volontà di Giorgio Sozzi e continuata oggi dal figlio Andrea.

Coinvolti circa 40 ragazzi con disabilità intellettiva, appartenenti a sei centri: Lae Cremona, Cdd di Cremona, Regona, Pessina, Orzinuovi, Quinzano. I partecipanti si sono affrontati in un torneo a squadre, con prove di percorso motorio e tecnico. A far parte della giuria tecnica il professor Cesare Beltrami (presidente Panathlon), Giacomo Spedini (presidente della Fondazione città di Cremona che sostiene il progetto -nonché ex judoka) e l’assessore Luigi Amore.

Non è mancato il saluto di Oreste Perri, da sempre ospite fisso della manifestazione, accompagnato dall’assessore Maria Vittoria Ceraso. “il nome Allegrezza -spiega Andrea Sozzi- è una fusione di allegria, ingrediente indispensabile in questa attività e leggerezza, perché l’obiettivo dell’attività di judo è l’alleggerimento del peso della disabilità, attraverso la condivisione”. La vittoria è andata alla squadra della Lae Cremona, seguita dal Cdd di Orzinuovi e di Pessina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti