Un commento

Provincia, le pagelle dei dirigenti Placchi a capo del settore Appalti

provincia-evid

Mentre il neo sindaco Gianluca Galimberti ha varato la nuova giunta abbozzando già un piano di riorganizzazione della macchina comunale, i due dirigenti prestati all’amministrazione Perri hanno ripreso servizio nell’ente di appartenenza. Massimo Placchi, già direttore generale del Comune, è rientrato in Provincia come dirigente del Settore Appalti e Legale, che era retto in via transitoria da Rinalda Bellotti. Placchi avrà diritto ad uno stipendio tabellare di 36mila euro l’anno. Nella busta paga di giugno si vedrà liquidata dal Comune la retribuzione di risultato relativa al 2013, pari a 30 mila euro lordi. E’ il massimo riconosciuto, pari ad una promozione piena da parte dell’organismo di valutazione. Il suo incarico in Provincia, conferito dal presidente Salini (ancora in carica fino a scioglimento della riserva sul seggio di Strasburgo) avrà durata ‘fino al termine del mandato amministrativo’. Ossia  fino al termine  del 2014, come tutti gli altri incarichi dirigenziali. Un assetto  provvisorio quello delle dirigenze provinciali, visto che entro l’anno è attesa la ridistribuzione di molte delle funzioni tra Comune e Regione.

Era comandante della Polizia provinciale e rientra come funzionario tecnico dell’Unità di progetto Paullese Mauro Barborini, che aveva polemicamente lasciato l’amministrazione provinciale poco dopo l’insediamento della giunta Salini. L’atto che ne dispone il reintegro richiama “l’esigenza della Unità di progetto Paullese di integrare l’insieme delle competenze di cui dispone con competenze attinenti gli aspetti ambientali e idraulici connessi alla realizzazione dell’opera per cui è stata istituta” pertanto Barborini sarà di supporto “con particolare riferimento alle opere di mitigazione e compensazione ambientale, nonchè al reticolo idrico interferente”.

Intanto sono stati attribuiti i punteggi validi per l’erogazione dei premi di risultato ai dirigenti della Provincia. Il massimo è 100: non se lo è aggiudicato nessuno. Questa la graduatoria, che tiene conto dei risultati individuali, della performance d’area, della performance organizzativa e dei comportamenti organizzativi: Rinalda Bellotti (Appalti e Legale): 90,43; Andrea Azzoni (agricoltura e Ambiente) 89,71; Rinalda Bellotti (risorse umane, salute e sicurezza) 89,43;  Rossano Ghizzoni (Patrimonio e provveditorato): 87,43; Antonello Bonvini (Urp e servizi interni) 87,14; Cristiano Rebecchi (Unità di Progetto Paullese) 87; Mara Pesaro (Strategie di sviluppo e turismo): 86,29; Patrizia Malabarba (Programmazione e opere servizi amministrativi + manutenzione e sviluppo rete stradale) 85,71; Dario Rech (Lavoro, istruzione, servizi sociali): 80,29; Gianfranco Antonioli  (Risorse economico finanziarie): 80; Maurizio Rossi (Pianificazione territoriale e trasporti): 80; Roberto Zanoni (dirigente in staff alla direzione generale): 81,43.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pinco pallino

    si spera che i trasferimenti costino meno ai cremonesi………….anche se non è facile capire che cosa si andra’ a fare………….e non è il caso di commuoverci ancora…!!!!!
    NON SI E’ ANCORA COMMOSSO NESSUNO….COME L’ALTRA VOLTA……?????
    QUALCUNO CI SA DIRE QUANTO COSTANO………………????