Commenta

Elezioni, le spese della politica: 44mila euro Galimberti, 37.437 euro Perri

elezioni

Per la campagna elettorale la coalizione di Galimberti ha speso circa 44mila euro complessivi, mentre quella di Oreste Perri ha sborsato 37.437 euro (dal conteggio sono però esclusi Nuovo Centrodestra e Alleanza Ecologica, che non hanno fatto pervenire agli uffici comunali il rendiconto delle proprie spese). Seguono poi i 17.902 euro spesi dalla coalizione a sostegno di Alessandro Zagni e i 12.320 impiegati dal Terzo Polo e dal suo candidato, Pietro Signorini.

Seguono poi i 2.693 euro della compagine del candidato Giuseppe Foderaro con 2.693 euro, il Movimento per Cremona di Carmine Scotti con 2.446 euro, Cremona Città Nova di Laura Carlino con 1.044 euro, Il M5S (candidata Lucia Lanfredi) con 753 euro. Chi ha speso di meno sono: CasaPound (candidato Gianluca Galli) con 200 euro, i Verdi (Juri Brocchieri) con 140 euro e nessuna spesa per il partito di Alternativa Comunista, a sostegno del candidato Mirko Seniga.

Entrando nello specifico, ad aver speso più di tutti è stato Oreste Perri, che ha sborsato 25.186 euro, subito seguito da Galimberti con 24.296 euro. Tra i partiti invece quello che ha investito di più è la Lega Nord (13.107), seguita dal Terzo Polo (10.920). Per la coalizione di Perri ha investito di più Forza Italia (6.819), mentre in quella di Galimberti la spesa maggiore è stata di Fare nuova la Città (8.236 euro).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti