Un commento

Hascisc, perquisizione in casa: due italiani nei guai

polizia

AGGIORNAMENTO – Un uomo è stato arrestato nelle scorse ore dopo un controllo mirato messo in atto dal personale della sezione antidroga della squadra mobile. Sequestrati circa duecento grammi di hascisc. L’arrestato è un italiano, accusato di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. Nei guai anche un secondo uomo, anche lui italiano, per il quale sulla base degli elementi raccolti è scattata una denuncia a piede libero. In arresto è finito un 30enne nato e residente a Cremona (G. G. C. le iniziali note). Denunciato, invece, un 25enne nato a Cremona e residente nel Piacentino.

L’attività – spiegano dalla squadra mobile del dirigente Nicola Lelario – ha preso spunto da una serie di segnalazioni che, subito sviluppate dagli operatori, hanno portato a eseguire nella giornata di giovedì, presso l’abitazione del 25enne, una perquisizione finalizzata a ottenere riscontri rispetto a quanto acquisito. Al momento del controllo, tuttavia, era presente in casa solo il 25enne, effettivo proprietario dell’appartamento. Il 30enne, infatti, si trovava al lavoro, ma è stato prontamente rintracciato da una pattuglia che lo ha condotto presso l’abitazione dove era in corso la perquisizione, in quanto in una stanza risultata in uso proprio a lui, all’interno di una valigia, era stata rinvenuta della sostanza stupefacente (hascisc dal peso accertato di circa 180 grammi), oltre a un bilancino di precisione e ad un coltello, secondo quanto ricostruito dalla polizia utilizzato per tagliare l’hascisc. Inoltre, il 30enne, essendo ancora formalmente residente altrove, ha dovuto fare anche i conti con una seconda perquisizione presso l’altro appartamento, perquisizione dalla quale non è però emerso nulla. Terminate le attività di ricerca gli operatori hanno condotto i due uomini presso gli uffici della Questura, dove è stato dichiarato in stato d’arresto il 30enne, mentre è stato denunciato in stato di libertà il 25enne, sulla base di elementi che hanno portato a ritenere aggravata, oltre che univocamente interpretabile, la posizione del primo rispetto a quella del 25enne titolare dell’appartamento.

Il materiale e la sostanza sotto sequestro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Cremona ai cremonesi

    giusto che paghino i loro errori, ma non teniamoli dentro 1 anno o +. in primis perche’ uno straniero starebbe dentro 2 notti poi sarebbe libero, in secundis perche’ tenerli dentro costa a noi contribuenti. SERVIZI SOCIALI OBBLIGATORI X 500 ORE.