Commenta

Progetto corso Garibaldi, l'Ordine degli architetti chiede incontro al sindaco

corso-garibaldi-evid

foto Sessa

Ombre sul progetto a cui sta lavorando il comune di Cremona per la riqualificazione urbanistica (e non solo) di corso Garibaldi. In Comune infatti è arrivata la richiesta di incontro con il sindaco da parte dell’ordine provinciale degli architetti, con la quale vengono chieste delucidazioni sulle modalità con cui è stato scelto un progetto redatto da tre professionisti (Paola Ceriali, Teresa La Gala e Michele Giardullo) come punto di partenza per pensare ad un restyling dell’arredo urbano del corso. Alcune slides su come potrebbe diventare il corso (tra l’altro con l’utilizzo di asfalto colorato)  erano state presentate ormai un mese fa in Comune alle categorie economiche interessate al rilancio della strada. E questa sera a palazzo Cittanova si terrà un incontro tra amministratori, residenti e commercianti per discuterne. Ora, proprio su quel progetto “regalato” dai tre architetti al neosindaco Galimberti, l’Ordine professionale cremonese vorrebbe avere qualche chiarimento. La lettera con la richiesta di incontro è partita una decina di giorni fa e ad oggi un appuntamento con il primo cittadino non è ancora stato combinato.

Nel frattempo l’ex assessore all’Urbanistica Federico Fasani, ora consigliere di Ncd, venuto a sapere della lettera, ne fa innanzitutto una questione di trasparenza: “Circolano da giorni – afferma – indiscrezioni sulla presenza di una lettera inviata dall’Ordine degli Architetti di Cremona al Sindaco Galimberti, dove si lamenterebbe la scarsa trasparenza nella procedura che ha portato ad individuare i Professionisti che hanno redatto il progetto per la “riqualificazione” di Corso Garibaldi.

Mentre dalla stampa si apprende che il Sindaco prosegue nella sua attività di promozione del progetto redatto da Professionisti più volte menzionati, sul sito del comune non compare traccia di nessuna procedura di assegnazione trasparente dell’incarico. Pertanto chiedo al Sindaco di chiarire se la lettera esiste o no, e se esiste di pubblicarla sul sito del Comune in perfetta sintonia con quanto per mesi, in campagna elettorale, ha sbandierato in riferimento alla trasparenza ed al rispetto per le Istituzioni che Lui oggi rappresenta. Essendo convinto che molti Professionisti cremonesi potrebbero esprimersi nel merito, mi chiedo perché non sia possibile attivare una procedura concorsuale trasparente e aperta a tutti, anche a chi non è legato politicamente al Sindaco”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti