Un commento

L'opposizione c'è. Fasani ne prende la guida: "Dal sindaco solo parole"

fasani-evid

Dopo la pausa estiva, l’opposizione si fa sentire. Da quando la Giunta Galimberti è salita alla guida della città, pochi e sporadici sono stati gli interventi da parte del gruppo di opposizione in Consiglio Comunale: dai consiglieri di Forza Italia a quelli del Movimento 5 Stelle. A rompere il silenzio è ora Federico Fasani, consigliere di Ncd ed ex assessore, che vuole mettere i puntini sulle i delle azioni portate avanti dalla Giunta in queste settimane. “Apprendo con soddisfazione che la Giunta del Prof. Galimberti ha approvato definitivamente la variante al Piano Integrato di Intervento denominato Citadella dello Sport, completando un percorso che la precedente Amministrazione aveva impostato – dichiara il consigliere -. Meno comprensibile e destituita di qualunque fondamento la “riserva” di apportare modifiche al piano riportata dagli organi di stampa. In Urbanistica non esiste l’approvazione di un piano con riserva e, per contro, è sempre possibile adottare nuove varianti ai piani attuativi.

Quini il piano è stato approvato e basta. Ad ogni buon conto rilevo con favore che l’Assessore Virgilio, evidentemente, non è a caccia di strampalate e policrome “capriole politiche” finalizzate alla propaganda personale ma ha concluso, per il bene della città, un progetto positivo proveniente dalla precedente Amministrazione che consente di mantenere il bosco urbano sulla rotatoria di via Mantova e compatta le potenzialità edificatorie sul l’asse, già urbanizzato di via Postumia. Virgilio ha fatto la cosa giusta”.

Secondo Fasani, i nuovi amministratori starebbe fuggendo “dalle responsabilità che devono affrontare. Credo solo che accampare scuse, degne del peggiore scarpone che si lamenta del pallone accingendosi al dischetto del rigore, sapendo che sbaglierà, sia la migliore dimostrazione del l’approccio culturale del Professore”.

E spezza una lancia a favore della Giunta precedente: “Intanto che la precedente opposizione, condotta dall’attuale Vicesindaco, si dimenava rabbiosamente impegnata in polemiche inutili e lontane dai cittadini, la Giunta Perri, che ha navigato per 5 anni in condizioni di bilancio difficilissime a causa di minori trasferimenti e minori entrate legate alla congiuntura economica, migliorava la qualità dei servizi, investiva milioni di euro in opere, attraeva investitori e recuperava risorse dall’Europa e dalla Regione. In un mondo in cui non si spreca nulla, in cui anche i 10.000 (o quanti sono, non si è ancora capito) euro sborsati con superficialità e supponenza per il carnevale di Corso Garibaldi fanno comodo per consolidare bilanci duri; benvenuto in un mondo in cui solo la teoria del buon padre di Famiglia, quella vera, da frutti; benvenuto in un ruolo che si raggiunge sì, anche chiacchierando, ma si onora solo agendo”.

Il consigliere punta il dito con forza contro una Giunta che definisce ‘immobile’: “Avete toccato tutto e non avete spostato niente: Tari, autovelox, assetto del personale, parcheggi a 1,50 euro all’ora che si trasformano in parcheggi a 50 centesimi ogni 20 minuti (cioè 1,50 euro all’ora)… perfino l’Arcimboldo resta fermo dopo che per generazioni le opere d’arte di Cremona hanno fieramente viaggiato per il mondo. Più che una Amministrazione sembra un monumento all’immobilità. E adesso che vi siete sfogati e avete dato la colpa al pallone, forza, tirate il calcio di rigore. Basta fiumi di parole e scuse, cominciate a lavorare sul serio. Se non siete in grado dimettetevi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Marco

    L’attuale maggioranza è già all’opera per trovare scuse per i propri insuccessi:
    1) non gli mancano le idee ma i soldi per realizzarle per colpa della giunta Perri;
    2) non manca progettualità per il turismo ma è la Regione che gli nega i fondi per vendicarsi del mancato prestito del quadro;
    3) non è vero che era impossibile chiudere l’inceneritore in tre anni ma sarà colpa di AEM LINEAGROUP o qualcun altro ancora da individuare;
    4) non è vero che i rom al quartiere Po sono un problema ma siamo noi cattivi e razzisti che non comprendiamo che quello è il loro modo di abitare;
    5) i venditori abusivi e i questuanti molesti non sono un problema ma ad essere sbaglaite sono le leggi in tema di immigrazione e chi si lamenta è razzista;
    6) le coppie di fatto vanno riconosciute e chi è contrario e ciellino e omofobo;