Cronaca
Commenta13

Corso Garibaldi, interviene il Psi: 'Stop al transito delle bici. Solo condotte a mano'

Foto: Sessa

Dopo i recenti incidenti verificatisi nella zona pedonale di corso Garibaldi, dove un bambino e una donna sono stati investiti da biciclette, fortunatamente senza gravi conseguenze, il segretario provinciale del Psi (e consigliere comunale Pd), Paolo Carletti, interviene con forza sulla questione, ribadendo la necessità di vietare in quel tratto il transito alle biciclette. “Abbiamo avuto notizia dagli organi di informazione locali di due incidenti occorsi in Corso Garibaldi a causa del perdurante traffico di biciclette, a tal proposito rinnoviamo quella che era una proposta di campagna elettorale già ripresa da noi socialisti la scorsa settimana: vietare alle biciclette il transito in tutta l’area pedonale in modo che essa divenga realmente fruibile dai pedoni” evidenzia Carletti.

In particolare, secondo il segretario Ps, “la nuova veste di Corso Garibaldi che invita i genitori a lasciare che i bambini giochino liberamente tra le installazioni, non è affatto conciliabile con il fitto transito di biciclette, non foss’altro per una ragione di elementare sicurezza dei bambini. Vedere infatti dei genitori che corrono a mettere in salvo i propri figli perché cicloamatori in tutina e caschetto percorrono fieramente il corso a 30Km/h  è difficilmente conciliabile con il progetto di Corso Garibaldi salotto di Cremona. Ribadiamo che a nostro parere l’area pedonale dev’essere fruibile dai cittadini nè più nè meno della galleria di un centro commerciale, pertanto senza auto e senza bici, o meglio, con le bici condotte a mano”.

Questo non vale solo per il corso Garibaldi, “ma su tutta l’area pedonale, perché se pensiamo a Via Mercatello o a Via Soferino, magari durante i giorni di mercato, noi socialisti non possiamo non notare quanto stonino le gimcane di ciclisti scampanellanti che chiedono strada ai pedoni” continua Carletti.

Il Psi ribadisce anche quanto espresso riguardo le auto di servizio: “passino in area pedonale non per trasferimenti, ma solo per necessità ed urgenza a sirene spiegate, altrimenti, visto che non siamo in una metropoli, facciano semplicemente un’altra strada”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti