Commenta

Cozzoli nuota per la Polizia di Stato Festa in onore di San Michele arcangelo

Polizia-evi

foto Sessa

Mattinata di lunedì 29 settembre dedicata alla ricorrenza di S. Michele Arcangelo, patrono della Polizia di Stato. La messa per il patrono è stata celebrata alle 9,30 presso la chiesa di San Bassano dal vescovo Dante Lafranconi e dal cappellano don Stefano Peretti. Presenti il prefetto Paola Picciafuochi, il questore Vincenzo Rossetto, il vicario Gerardo Acquaviva, il capo di Gabinetto Adele Belluso con i dirigenti della Questura, il comandante provinciale della guardia di finanza, colonnello Alfonso Ghilardini, il comandante provinciale dei carabinieri, tenente colonnello Cesare Lenti, il comandante provinciale della polizia stradale Federica Deledda, il comandante dei vigili urbani Pierluigi Sforza e il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti.

Dopo la messa – novità di quest’anno – spostamento sul lungo Po dove Maurizio Cozzoli, meglio noto come il “Caimano del Po”,  ha effettuato una nuotata nel fiume per un percorso di tre chilometri, accompagnato da un mezzo acquatico della Polizia di Stato proprio in onore della ricorrenza di San Michele. Cozzoli è partito da Spinadesco per raggiungere la canottieri Baldesio, dove era atteso dal questore e dai suoi uomini. Per il “Caimano” tanti applausi. “Quello che sento”, ha detto Cozzoli, ringraziando le forze dell’ordine, “è un grande attaccamento e un senso di amicizia nei confronti della polizia. Mi sono sentito orgoglioso di nuotare per il vostro patrono”.

Infine, in tarda mattinata, pranzo presso la caserma di via Massarotti per i dipendenti della Polizia di Stato, dell’Amministrazione Civile dell’Interno e i loro famigliari. Alla cerimonia in onore del patrono hanno preso parte anche gli iscritti all’A.N.P.S.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti