Commenta

Nutrie, Alloni: 'Per i Comuni servono ordinanze-tipo'

nutrie-evid

Per arginare l’emergenza nutrie, bisogna “Seguire l’esempio di Emilia Romagna e intervenire, come Regione, dando gli strumenti affinché i Comuni possano emettere ordinanze che permettano di proseguire con i piani di contenimento già messi in campo in questi anni delle Province”. Questa la richieta di Agostino Alloni, consigliere regionale del Pd, durante la VIII Commissione Agricoltura, insistendo sulla “necessità di sveltire le pratiche in attesa dei regolamenti attuativi delle novità normative nazionali”.

“Regione Emilia Romagna ha predisposto uno schema di ordinanza tipo e lo ha inviato a tutte le amministrazioni comunali, che possono poi renderlo operativo nelle situazioni in cui la diffusione dell’animale sia particolarmente significativa e costituisca una grave minaccia per le arginature di fiumi e canali, nonché per le colture agricole – fa sapere Alloni, carte della Regione confinante alla mano –. Secondo lo schema di ordinanza, che ha ottenuto il parere favorevole dell’Ispra (l’Istituto per la protezione e la ricerca ambientale), i piani di controllo comunali dovranno contenere le motivazioni dell’intervento e potranno coinvolgere tutte le tipologie di personale già previsto dai piani provinciali”.

Nel caso della Lombardia, Alloni ricorda che, sul piano delle motivazioni, “non ce ne sono solo di origine idraulica e agricola, ma anche sanitaria: la Direzione generale della Sanità ci ha fornito una relazione del Dipartimento di scienze veterinarie dell’Università di Milano in cui si dice espressamente che la nutria è suscettibile a una vasta gamma di infezioni micro e macroparassitarie, dalla salmonella alla leptospirosi. E i rischi sono sia per gli uomini, sia per gli animali domestici e da allevamento, e non da ultimo per gli alimenti che possono essere contaminati. Pensiamo solo a quante carcasse rimangono in campagna e spesso anche nelle nostre cascine, tra farine e foraggi”

E se la preoccupazione è il tipo di intervento, Alloni ha fatto presente che “si continuerebbe con i piani di contenimento provinciali, dunque con le gabbie e con lo smaltimento a carico delle Asl. Per questo erano stati formati mille operatori e ora è tutto fermo in attesa del regolamento”.

Il punto, conclude Alloni, sostenuto in questo anche dal collega Marco Carra, è che “nel frattempo non possiamo permetterci che il fenomeno, già di dimensioni eccessive, vada completamente fuori controllo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti