Commenta

Impianti sportivi, nuove regole per le concessioni

PISCINA-COMUNALE

La Giunta comunale di Cremona ha approvato gli indirizzi per la stesura delle convenzioni per la concessione in uso degli impianti sportivi comunali. “Sulla scorta dell’esperienza maturata in questi anni, considerata in linea di massima positiva, la concessione sarà rivolta essenzialmente a soggetti sportivi perché in questo modo si vanno direttamente a soddisfare e coinvolgere le realtà che hanno maggiori necessità, come del resto previsto nelle Linee programmatiche di mandato 2014-2019 del sindaco, con l’obiettivo di promuovere lo sport come strumento sociale in grado di favorire e rinforzare il legame fra le persone, i gruppi, i contesti di vita” evidenzia l’assessore con delega allo Sport, Mauro Platè..

Uno degli obiettivi che si prefigge tale decisione è di coinvolgere maggiormente le società che utilizzano gli impianti anche attraverso una compartecipazione alle spese per le utenze nell’ottica di una riduzione dei consumi e di una maggiore responsabilizzazione. Per le concessioni in uso di impianti sportivi comunali, scadute il 30 settembre 2014, si proporrà una proroga fino al 31 dicembre 2014.

In particolare la Giunta ha deciso di stipulare convenzioni con federazioni, enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni e con società sportive ad essi affiliate ed in possesso del riconoscimento Coni. Verranno sottoscritte concessioni solo con soggetti che – nel proprio statuto – abbiano espressamente dichiarato che la propria attività non è a scopo di lucro. Le concessioni avranno durata di due anni con possibilità di rinnovo per un periodo di pari durata e con eventuale accordo rinegoziato tra le parti.

Si vuole comunque mantenere la possibilità di avere adeguati spazi per l’utilizzo degli impianti sportivi da parte di altre società sportive affiliate a Federazione Sportiva o ad Ente di Promozione Sportiva (riconosciuti dal Coni). Anche queste società devono dimostrare che la loro attività non ha scopo di lucro.

Il concessionario si dovrà assumere gli oneri di spesa relativi alla pulizia, custodia e manutenzione ordinaria, oltre ad una quota percentuale relativa ai consumi energetici (i resto sarà a carico del Comune). Il concessionario dovrà corrispondere al Comune una quota percentuale degli oneri, percentuale che andrà corrisposta in funzione delle caratteristiche e tipologia dell’impianto (palestre, campi di calcio, ecc.), del suo utilizzo e dovrà comunque prevedere una quota minima annuale garantita. Dovrà prevedere inoltre una quota annuale relativa al canone di utilizzo. Egli avrà inoltre la possibilità di effettuare lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione degli impianti assegnati, la cui spesa sostenuta possa essere parzialmente o totalmente scorporata da quanto dovuto annualmente dal Concessionario stesso al Comune di Cremona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti