Commenta

Furti al CremonaDue, romeno arrestato dopo rocambolesco inseguimento

carabinieri

Nel primo pomeriggio di sabato, via Castelleone, i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Cremona hanno tratto in arresto un 36enne, cittadino romeno pluripregiudicato (P.C.R. le iniziali), poiché ritenuto responsabile di plurimi furti aggravati e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, nella tarda mattinata, a bordo di una Mercedes classe A, si è recato presso il Centro Commerciale di Gadesco Pieve Delmona e qui, attraverso mezzi fraudolenti, secondo quanto accertato dai militari è riuscito ad asportare capi d’abbigliamento vari dai negozi “Sorelle Ramonda”, “Scarpe & Scarpe” e “Norauto”, per un importo superiore ai 1.000 euro. La visione delle immagini da parte del personale addetto alla sorveglianza, ha consentito di verificare che l’uomo con borse schermate aveva oltrepassato le casse, guadagnando la fuga. Troppo tardi per bloccarlo ma è stato possibile individuare il modello di macchina in suo, una Mercedes Classe A di colore nero. E’ stata diramata la nota alla Centrale Operativa che a sua volta ha informato gli equipaggi in circuito. Una pattuglia del Nucleo Radiomobile – spiegano dal comando – che stava procedendo in direzione via Mantova, acquisito quanto avvenuto, ha effettuato una serie di riscontri sui veicoli in transito, finché ha intercettato il mezzo che a forte velocità si stava dirigendo verso la città di Cremona. Una rapida inversione di marcia, poi l’inseguimento. L’uomo accortosi della presenza della pattuglia con lampeggiante e sirena accesi, ha cercato di approfittare del traffico presente sulla tangenziale per via dell’evento in corso alla Fiera ma l’equipaggio del Nucleo Radiomobile è rimasto alle calcagna finché il fuggitivo, oramai braccato, non ha potuto fare altro che fermarsi. Subito ammanettato, nel veicolo è emersa l’intera refurtiva ed è stato attuato l’arresto per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. Il curriculum dell’arrestato è costellato di arresti per vari reati. L’uomo, al termine delle formalità di rito, sarà trattenuto in caserma fino al processo previsto per lunedì mattina con rito direttissimo, come disposto dal pm Francesco Messina. Refurtiva interamente restituita ai legittimi proprietari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti