Commenta

In casa 8 grammi di eroina: tunisino patteggia 1 anno e 2 mesi

cc

AGGIORNAMENTO – Ha patteggiato una pena di un anno e due mesi, Amine Riahi, tunisino di 27 anni residente a Cremona, arrestato la sera di mercoledì 10 dicembre dai carabinieri con l’accusa di detenzione e spaccio di droga. Nel processo per direttissima il suo legale, l’avvocato Fabio Galli, aveva chiesto i termini a difesa e il processo è stato celebrato oggi davanti al giudice Christian Colombo. Il tunisino rimarrà ai domiciliari in casa della fidanzata italiana che si era già detta disposta ad ospitarlo. Nel blitz dei militari era stato denunciato anche un 19enne cremonese. Nella casa del tunisino erano stati trovati 8 grammi di eroina suddivisi in un ‘sasso’ da 6 grammi e 5 involucri da 0,20 grammi, il tutto corrispondente a circa 40 dosi. Sequestrato anche un bilancino di precisione e 40 euro in contanti, frutto della compravendita dello stupefacente. Verso le 23,30 di mercoledì i carabinieri di Cremona e di Vescovato, dopo aver saputo di un’attività di spaccio in corso, avevano raggiunto via Panfilo Nuvolone dove avevano fermato una persona sospetta che era appena uscita dalla casa del 27enne. Durante la perquisizione, il padrone di casa si era giustificato dicendo che il bilancino era stato portato in casa sua da qualcun altro e che la droga era solo per consumo personale. Invece era stato arrestato con l’accusa di detenzione e spaccio, mentre S.M., un 19enne cremonese, era stato denunciato per lo stesso reato.

Sara Pizzorni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti