3 Commenti

Un'ora e mezzo di ritardo sul treno per Milano e poi pure la beffa a Rogoredo

ferrovia-mp

92 minuti di ritardo. È stata una pessima mattinata per i pendolari cremonesi, soprattutto per i passeggeri del treno regionale 2650, partito da Cremona alle 7.32 e che avrebbe dovuto portarli a Milano Centrale alle 8.40: a Milano è arrivato, sì, ma alle 10.11, ovvero un’ora e mezzo dopo. Beffa nella beffa: le persone che viaggiavano sul treno, nonostante il folle ritardo, sono state fatte scendere a Milano Rogoredo perchè “il treno”- ha detto una voce- “termina la corsa in questa stazione”. E invece, una volta che il convoglio era vuoto è ripartito lo stesso in direzione Milano Centrale, davanti agli occhi attoniti dei pendolari. Furiosi ovviamente anche sui social network per questo fatto, i pendolari si sentono “abbandonati e vedono un disinteresse totale al nostro territorio”. Inoltre, ancora carrozze chiuse, al freddo. E lanciano una proposta: una raccolta di idee “incisive, per un’azione forte, senza essere troppo morbidi”.

Fban

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Anakin Vader

    C’e’ stato un guasto al locomotore e (probabilmente per motivi di sicurezza e regolamento) il treno e’ stato poi spostato a Centrale (magari arrivando su un binario per treni in manutenzione) e per quello non poteva trasportare passeggeri.
    Il 2650 negli ultimi tre mesi e’ arrivato sempre puntale (al massimo sforava di 5/10 minuti, ma raramente), giusto per la cronaca segnalare l’accaduto ma il resto mi sembra un’esagerazione (almeno per quello specifico treno che io prendo tutti i giorni)

  • noxbody

    Anakin, lavori per Trenord? Come fai a giustificarli? Tu il treno non lo prendi tutti i giorni evidentemente, quindi evita certi commenti. E per dimostrare che hai torto, guarda quante volte è stato dato il bonus per i ritardi in questi mesi

  • Anakin Vader

    Non lavoro per trenord, il 2650 lo prendo tutti i giorni e non giustifico nessuno. Rileggi quello che ho scritto, per l’autore dell’articolo è una beffa che il treno sia ripartito vuoto per centrale. Non ci vuole un capotreno per capire che è evidente che il treno, essendo guasto (prima volta negli ultimi 3 mesi) doveva arrivare vuoto in centrale per motivi di regolamento e sicurezza.
    Bastava dire che si è scassato il locomotore senza aggiungere beffe, almeno nel mio mondo di obiettività.