I commenti sono chiusi

Consiglio comunale aperto, Bonali: 'Uscito a discussione terminata'

Evidenza1

“Quello di Fasani è un modo di far politica che non mi appartiene, fatto di mezze verità e di battutacce. In ufficio di presidenza dice di non voler fare polemiche e intanto le manda su facebook mentre la riunione è ancora in corso”. Filippo Bonali, consigliere comunale di Sinistra per Cremona, interviene sull’ultima questione politica nata a seguito degli scontri del 24 gennaio con il corteo dei centri sociali, ossia la scelta di dedicare il consiglio comunale del 9 febbraio interamente agli ordini del giorno (due delle minoranze, uno della maggioranza) sugli scontri. L’ufficio di presidenza di martedi, che riunisce come di consueto tutti i capigruppo per discutere l’ordine del giorno, ha deciso di non fare un consiglio comunale aperto anche alla cittadinanza, quindi con la possibilità per chi partecipa di prendere la parola, trattandosi di una questione delicata. Una scelta enfatizzata dal consigliere di minoranza Ncd Federico Fasani come volontà di nascondere l’imbarazzo del centrosinistra a proposito del corteo del 24 gennaio. “Quello che non accetto è si dicano cose non vere sul mio conto – replica oggi Bonali – Non è assolutamente vero che sono uscito dall’ufficio di presidenza prima della discussione, bensì sono andato via quando la discussione era oramai al termine e l’argomento era già stato ampiamente esplicitato e discusso e ciò mi è stato confermato dalla Presidente del Consiglio: e cioè che l’ufficio di presidenza è finito 5-10 minuti più tardi, dopo circa 50minuti di riunione iniziata alle 17.00. Peraltro ci tengo a sottolineare che sono andato via per impegni personali e non per mancanza di interesse”

Le ragioni del consiglio comunale ‘dedicato’ erano state abbondantemente espresse da diversi interventi di consiglieri della maggioranza, tra cui Maura Ruggeri e Rodolfo Bona. Inoltre, spiega Bonali, convocare con soli quattro giorni d’anticipo un consiglio comunale aperto è difficoltoso anche dal punto di vista tecnico e della comunicazione. Per questo la maggioranza intende organizzare per una prossima ocasone un pubblico dibattito sul tema

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti