Commenta

Da Cremona comunicazioni incerte o errate su Expo: cosa fa il Comune?

verybello2.evid

Promozione di Cremona per Expo 2015 incompleta e spesso sbagliata: a denunciare la vicenda è il consigliere comunale Maria Vittoria Ceraso (Obiettivo Cremona con Perri), che in una interrogazione chiede conto al Comune di come vengono presentate le iniziative di Cremona sulla piattaforma ‘Very bello’, promossa dal ministro per i Beni Culturali e Turismo, Dario Franceschini, che descrive l’offerta culturale del nostro Paese durante il periodo dell’Expo che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015.

“Nel suddetto sito, rispetto agli eventi programmati a Cremona,  vengono citati: nella sezione Mostre l’esposizione di opere Vincenzo Campi e le origini della natura morta lombarda al Museo Civico Ala Ponzone, nella sezione Bambini Il Parco della preistoria di Rivolta d’Adda, nella sezione Danza un evento al Ponchielli La Sagra della Primavera,  nella sezione Libri Le Corde dell’Anima” spiega Ceraso.
Ma alcune cose, secondo il consigliere, non vanno. “La mostra su Vincenzo Campi nel sito Very Bello è prevista dal 15 settembre 2014 al 15 ottobre 2015. Le date sono sbagliate, cosa davvero grave considerando l’importanza del sito che è stato  creato con lo scopo di attrarre visitatori nei luoghi degli eventi pubblicizzati  in relazione all’Expo. Ma ancor più grave risulta il fatto che nella realtà, per quanto appare sul sito del Comune di Cremona, la suddetta mostra, che dovrebbe essere uno degli eventi di punta per attrarre turisti nella nostra città, è genericamente prevista tra settembre e dicembre 2015, quindi per un breve periodo e soprattutto a ridosso della chiusura dell’Expo”. Soprattutto considerando che “Nella vicina Brescia è già stata inaugurata  la mostra Il cibo nell’arte, che coprirà tutto il periodo di Expo ed è pubblicizzata sul sito Very Bello con una corretta comunicazione e con belle iniziative collaterali. L’esposizione  valorizza delle opere arcimboldesche, pur non potendo permettersi un Arcimboldo “vero” e tra le opere più rappresentative ci sono quelle degli artisti cremonesi come Vincenzo Campi (“I mangiatori di ricotta”) è stata scelta come simbolo della mostra”.

C’è poi la questione de Le Corde dell’Anima: “dal sito Very Bello risulta che la manifestazione si svolgerà dal 1 al 30 giugno 2015 senza nessun programma di dettaglio; nella realtà non si hanno ancora notizie ufficiali circa la realizzazione dell’evento”. Anzi, sottolinea Ceraso, “questa Amministrazione, ha più volte fatto intendere di non considerare la suddetta manifestazione prioritaria rispetto alla programmazione culturale del Comune, soprattutto in termine di destinazione di risorse. Nella vicina Mantova, il Festivaletteratura, nonostante le ristrettezze economiche, nel 2014  è stato finanziato dal Comune con 60 mila euro, dalla Provincia con 50 mila, dalla Camera di Commercio con 30 mila e attraverso Bando della Regione Lombardia con 20 mila. L’evento è già previsto nel sito Very Bello dal 9 al 13 settembre 2015”.

Ancora più grave, secondo la consigliera, è che nel sito Very Bello non vi sia “alcun riferimento alla Festa del Torrone. Nel sito del Comune di Cremona la manifestazione è prevista con un’anteprima il 24 e il 25 ottobre e successivamente lo svolgimento dal 21 al 29 novembre”. Infine, “Nel sito Very Bello non c’è alcun evento previsto al Museo del Violino che dovrebbe essere il fiore all’occhiello della nostra città”.

L’interrogazione evidenzia inoltre che “la programmazione culturale fatta fino ad oggi da questa Amministrazione è una raccolta/ elenco di eventi pubblicata sul Sito del Comune, alcuni dei quali si sono sempre svolti in città, e sono solo stati elencati e suddivisi in diversi filoni, altri rappresentano  una serie di progetti proposti da varie Associazioni o dal Comune stesso,  ma per alcuni di essi non ci sono date e, soprattutto, una copertura finanziaria che renda sostenibile e quindi certo il realizzarsi dell’evento”. Per di più “la programmazione culturale che può tradursi in proposte spendibili sul mercato turistico nazionale e internazionale, è solo quella che con largo anticipo propone eventi, con date certe di inaugurazione, durata e con campagne promozionali significative e quindi già coperti dal punto di vista economico. Ad oggi ci sembra inoltre sia del tutto mancato il coinvolgimento degli operatori turistici, degli operatori del commercio e del settore alberghiero della città rispetto ad alla programmazione eventi per il 2015 anche a fronte dell’Expo”.

Rispetto alla mostra su Vincenzo Campi, Ceraso chiede al sindaco “Che tipo di  mostra si intende allestire, ovvero se si tratta solamente di opere della Pinacoteca di Cremona sul soggetto Expo (il cibo, l’alimentazione) oppure sono previsti prestiti esterni; data di inaugurazione e durata; quali sono i costi previsti e come saranno coperti (sponsor e soldi pubblici); quanti visitatori sono attesi; come si pensa di promuoverla; se vale la pena investire risorse finanziarie in una mostra che ripropone opere e tematiche molto simili a quelle della mostra Il Cibo nell’arte già allestita e inaugurata nella vicina Brescia e soprattutto che senso ha che una mostra che si ispira ai temi Expo venga prevista ad un mese dalla chiusura dello stesso”.

Rispetto a Le Corde dell’Anima: l’interrogazione chiede invece: “se la manifestazione si terrà anche quest’anno e in che date; qualora venga realizzata quale contributo darà il Comune  alla manifestazione”.

Infine, rispetto alla Festa del Torrone, si chiede: “Se non si ritiene opportuno segnalare la suddetta manifestazione affinché sia inserita nel sito Very Bello considerando che l’anteprima è prevista ad ottobre e che la presenza sul suddetto sito potrebbe essere un veicolo promozionale importante”.

LA RISPOSTA – In risposta al consigliere Ceraso interviene Luca Burgazzi (Pd), presidente della commissione cultura: “Fino al luglio 2014 nonesisteva alcun progetto organico in merito ad Expo, figuriamoci qualche progetto legato alla cultura. Questa amministrazione ha dovuto recuperare il tempo perduto e certola fretta non è mai una buona consigliera. Ma purtroppo non c’era e non c’è più molto tempo. Eccoallora che in pochi mesi siamo riusciti a presentare alla città un progetto organico con alcuni punti forti tra i quali il Festival Monteverdi, la Nascita della Natura Morta, la mostra sulla Vittoria alata, iprogetti legati alla Memoria e tanto altro. Tutto risolto? Assolutamente no.Il lavoro che ci  aspetta è ancora lungo e faticoso soprattutto per quanto riguarda la sostenibilitàeconomica di tutto il  settore cultura.  Occorrerà sicuramente segnalare al  sito “verybello” alcunemodifiche ed aggiunte in merito ai nostri eventi e lo faremo. Infine ricordo che solo pochi giorni falo stesso sole24ore ha dedicato un’interna pagina per i progetti culturali della nostra città così comeil Corriere ha riportato un lungo dossier sul violino della Shoah recentemente presentato alla città. Senza dimenticare la visita dello stesso ministro Franceschini.Vorrei  rassicurare  il  consigliere  Ceraso,  la  città  sarà  pronta  per  Expo2015  perché c’è un’amministrazione che lavora e lo fa con serietà”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti