Commenta

La Giunta propone cittadinanza onoraria per 'Quartetto di Cremona'

s

La Giunta Galimberti sottopone al Consiglio comunale (l’organo competente a decidere) la proposta di conferimento della cittadinanza onoraria al “Quartetto di Cremona”, ensemble musicale formato da Cristiano Gualco, violino, Paolo Andreoli, violino, Simone Gramaglia, viola, e Giovanni Scaglione, violoncello. Si vuole in questo modo rendere omaggio a quattro musicisti  di talento che, con i loro concerti, portano nel mondo, con grande prestigio, il nome della nostra città.

“Il Quartetto di Cremona” nasce nel 2000 all’Accademia Stauffer di Cremona. Si perfeziona con Piero Farulli del Quartetto Italiano e con Hatto Beyerle dell’Alban Berg Quartett, affermandosi in breve come una delle realtà cameristiche più interessanti sulla scena internazionale. Viene invitato a esibirsi regolarmente nei principali Festival e rassegne di tutto il mondo. Dal 2011 è “artist in residence” presso la Società del Quartetto di Milano per un progetto culminato nel 2014 con il completamento dell’esecuzione integrale dei quartetti di Beethoven.

Il Quartetto ha scelto il nome di Cremona a dimostrazione del legame professionale e affettivo con la città: il suo prestigioso curriculum testimonia il grande valore dei musicisti che lo compongono, e che hanno deciso di mettersi a disposizione della città che ne ha visto crescere il talento. Dall’autunno 2011 sono infatti titolari della Cattedra di Quartetto presso l’Accademia W. Stauffer di Cremona. Il Quartetto è stato inoltre scelto come testimonial del progetto “Friends of Stradivari”.

La stampa specializzata internazionale lo considera l’erede del Quartetto Italiano e ne sottolinea le qualità artistiche e interpretative; emittenti radiotelevisive di tutto il mondo ne trasmettono regolarmente i concerti in un repertorio che spazia dalle prime opere di Haydn alla musica contemporanea. Rilevante è l’attività didattica svolta dal Quartetto in tutta Europa, e notevole è anche la sua produzione in campo discografico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti