Commenta

Stupefacenti, le normative: convegno della Camera Penale

camera-penale

Nella foto, da sinistra: Francesco Beraglia, Alessio Romanelli, Federico Pedersoli

Grande apprezzamento ha riscosso il convegno tenutosi venerdì presso la Sala Maffei della Camera di Commercio ed organizzato dalla Camera Penale di Cremona e Crema “Sandro Bocchi” dal titolo “Legge stupefacenti tra fase di merito, fase esecutiva e successione di leggi nel tempo: lo stato dell’arte”. L’incontro di studio, coordinato dall’avvocato Alessio Romanelli, segretario della Camera Penale, ha visto succedersi nelle relazioni – tutte di alto profilo giuridico e scientifico – l’avvocato Federico Pedersoli, penalista del Foro di Bergamo, e il giudice del Tribunale di Cremona Francesco Beraglia, addetto al settore penale con oltre venti anni di esperienza. Scopo del convegno era quello di fare il punto sui molteplici interventi normativi e giurisprudenziali che hanno caratterizzato negli ultimi anni la normativa in tema di droga, con approfondimento delle inevitabili ricadute che il susseguirsi delle novità ha avuto nei processi che si celebrano ogni giorno nelle aule di giustizia. Sono stati quindi affrontati i temi del consumo personale, dell’uso di gruppo, delle strategie difensive, della possibile rideterminazione delle pene per gli imputati condannati con sentenza definitiva in forza delle norme poi dichiarate illegittime dalla Corte costituzionale. Il convegno, al quale hanno presenziato molti avvocati, non solo cremonesi, si è concluso con l’intervento del segretario Romanelli, che ha espresso la propria soddisfazione per la piena riuscita dell’iniziativa e ha ringraziato i relatori per il generoso contributo offerto sul difficile tema oggetto dell’incontro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti