11 Commenti

Rubano bici in stazione per andare al Kavarna Denunciati 3 bergamaschi

Furto-bicicletta

Tre ragazzi giunti da fuori città in treno avendo bisogno di un mezzo di trasporto rapido, hanno pensato bene di rubare delle biciclette nel piazzale della stazione, per cercare di raggiungere il centro sociale Kavarna. Sono così stati colti in flagrante e denunciati a piede libero dai carabinieri di Cremona, che hanno ricostruito la vicenda. E’ successo nella tarda serata di domenica, intorno alle 23. I tre giovani provenivano della provincia di Bergamo; si tratta di: S.S. di anni 20 residente a Calusco d’Adda, T.A. di anni 20 residente a Ponte San Pietro e T.D.F. di anni 20 residente ad Albino. Come spiegano dal comando di Viale Trento Trieste, i tre sono giunti in città con un treno proveniente da Treviglio. I loro movimenti sospetti sono però stati notati da alcuni passanti che hanno immediatamente allertato il 112. La pattuglia dedita alla sorveglianza della stazione è giunta sul posto nel giro di in pochi minuti, giusto in tempo per cogliere sul fatto i tre, che avevano tranciato il caso di sicurezza a cui erano agganciate e stavano salendo in sella alle tre bici. Dopo gli accertamenti del caso, i tre sono stati rimessi in libertà con una denuncia per furto aggravato in concorso. Le bici possono essere recuperate dai legittimi proprietari presso la stazione dell’Arma di Cremona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Marco

    Probabilmente le biciclette sono state rubate per finanziare la raccolta fondi a favore di uno di loro che è rimasto ferito mentre partecipava ad una rissa….

  • Alida

    Da Bergamo sono venuti per farsi riconoscere!
    Grazie al coraggio e alla correttezza delle persone che li hanno segnalati.
    Forse, dopo il disastro attuato dai centri sociali durante la manifestazione “pacifista”
    di inizio anno, qualcosa si è mosso nelle coscienze. Se tutti dovessero reagire
    bloccando sul nascere i comportamenti inetti, il mondo inizierebbe a prendere
    la direzione giusta…quella civile.

    • me

      Nel mondo civile i falsi in bilancio, il fallimento e la contabilità creativa sono puniti con il carcere. In Italia no! Quindi che faccio? O meglio Alida, tu che fai per opporti al fatto che la corruzione dilaga anche nel negozietto dietro casa? Quando non ti rilasciano lo scontrino chiami la guardia di finanza?

      • Simjareugven

        concordo!!!

  • Felice DiLuglio

    Se le avessero rubate per andare in corso campi a fare shopping?! Ce la saremmo presa con i commercianti; “eccoli, sempre a lamentarsi delle tasse, peró quando c´é da rubare sono sempre i primi”.

    Articolo imbarazzante.

    • lausop

      commento imbarazzante

      • Felice DiLuglio

        Si punisce l´atto non tanto quello che avrebbero voluto farci con le biciclette.
        Articolo di distruzione di massa.

  • Sorcio Verde

    Il problema è che in questi centri si riuniscono questi personaggi, a quando la chiusura?

    • Simjareugven

      Sai che personaggi pericolosissimi i ladri di biciclette.Certo da condannare,mi darebbe fastidio se la fregassero a me,ma non li annovererei nei personaggi pericolosi,continuiamo a spostare i problemi,i delinquenti sono altri,compresi quelli in giacca e cravatta.

      • Sorcio Verde

        Beh, queste bravissime persone hanno messo a ferro e fuoco una città, se per te è normale…..

        • Simjareugven

          chi quelli che hanno rubato le biciclette?mi sa che stiamo parlando di due cose diverse,io mi riferivo solo all’azione del furto come riportato dall’articolo,chiaramente chi fa danni alla comunità deve essere condannato ci mancherebbe altro.