Commenta

Il Festival Monteverdi per la prima volta approda a Venezia

Palazzo_Balbi_evid

In alto: Palazzo Balbi (Venezia)

Il Festival Monteverdi sbarca per la prima volta a Venezia. La nuova edizione della manifestazione, intitolata ‘Onde sussurranti’ e organizzata dal 15 maggio al 1° giugno tra Cremona, Mantova e Venezia, verrà presentata martedì 31 marzo alle ore 10.30 a Palazzo Balbi a Venezia, sede della Regione Veneto, alla presenza del presidente della Regione Veneto Luca Zaia e del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.

Accanto a loro, l’assessore alla Cultura e vicepresidente del Veneto Marino Zorzato e l’assessore alle Culture, alle Identità e alle Autonomie della Lombardia Cristina Cappellini. Per le tre città, il sindaco del Comune di Cremona Gianluca Galimberti con il Sovrintendente del teatro Ponchielli Angela Cauzzi, il sindaco del Comune di Mantova Nicola Sodano e il Commissario del Comune di Venezia Vittorio Zappalorto con il Sovrintendente del teatro La Fenice Cristiano Chiarot.

“Stiamo portando il Festival Monteverdi in tutto il mondo – è la dichiarazione del sindaco di Cremona Galimberti – Dopo la presentazione all’Ambasciata italiana a Vienna e quella a Cincinnati, ora Venezia alla presenza dei rappresentanti istituzionali delle due regioni coinvolte. Un’occasione importante che esprime a pieno lo spirito del Festival e di questa Amministrazione: costruire sinergie tra territori diversi, anche di regioni diverse, nel nome della musica e della cultura che è davvero volano di sviluppo”.

“Sarà un grande onore – ha detto l’Assessore regionale Cappellini – partecipare alla presentazione martedì a Venezia di questo importantissimo Festival e di altre iniziative che coinvolgono le due Regioni più importanti d’Italia: veri e propri motori economici ma anche terre con un patrimonio culturale straordinario. E’ bello ricordare che le due Regioni hanno avuto l’onore di avere tra i propri artisti un grande maestro come Claudio Monteverdi. La presentazione a Venezia con i massimi esponenti istituzionali testimonia ancora una volta l’importanza di progetti macroregionali. Altro esempio molto importante è la Carta Musei, che presenteremo ufficialmente tra pochi giorni e che è stata pensata e sviluppata con la Regione Piemonte. Voglio ricordare anche il grande progetto europeo della Macroregione Alpina (EUSALP) che ha visto la propria nascita concreta a Milano nel dicembre scorso, coinvolgendo tutte le Regioni dell’arco alpino, e che deve avere anche una valenza culturale”.

A Venezia verrà presentato il programma del Festival, viaggio attraverso l’eccellenza del made in Italy, declinato sia nell’invito di prestigiosi gruppi strumentali italiani, sia nell’affrontare il grande repertorio sei e settecentesco tutto italiano, e la crociera musicale che congiunge il Po, la più importante arteria italiana che scorre per oltre 650 km, al Mincio e le sue dighe, fino alla Laguna. Una vacanza in battello, per scoprire il territorio da una prospettiva insolita: un viaggio scandito dal lento scorrere dell’acqua, ritmato da concerti e letture, nonché pillole musicali in battello (31 maggio – 1 giugno).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti