Commenta

Dopo 7 anni gli Harlem Globetrotters regalano altri sorrisi al PalaRadi

harlem-evid

Dopo sette anni tornano a Cremona gli Harlem Globetrotters, storica formazione di basket acrobatico che il 4 maggio al Palaradi, ore 20,30, affronterà gli avversari dei Washington General in una partita tutta sui generis rispetto a quello che ci si può aspettare dal basket.  Famosi in tutto il mondo per far ridere e divertire, ma soprattutto stupire con trovate acrobatiche sempre nuove, scherzi reciproci tra giocatori, schiacciate inverosimili, gli Harlem arrivano a Cremona come seconda tappa del tour italiano (l’undicesimo, da quando sono nati, nel 1926), subito dopo Milano dove debutteranno il 3 maggio al Mediolanum Forum. In mattinata, presentazione dell’evento curato dall’agenzia Shot Events, alla presenza di Zeus McClurkin, che dall’alto dei suoi due metri abbondanti ha spiegato la filosofia che spinge i Globetrotters a girare il mondo: “I nostri tour toccano 122 Paesi del mondo, e non tutti parlano inglese; la lingua che preferiamo è quella del sorriso, quello che ci piace è poter ricordare il sorriso delle persone che ci vengono a vedere”. La sua specialità sono i canestri ‘dal piano di sopra’; amante di tutti gli sport, ma del calcio in particolare (“alla fine non l’ho scelto, perchè il campo è troppo grande”), Zeus si è mostrato felicemente sorpreso di vedersi riconosciuto non appena arrivato a Cremona: “Città piccola, ma si vede che ama il basket. Ero qui da 20 minuti e mi hanno riconosciuto subito, per via della palla”.

Il giocatore è stato ricevuto in sala Quadri di palazzo Comunale  dall’assessore allo Sport Mauro Platé: “E’ un onore per la nostra città ospitare un evento come questo, uno spettacolo che ci piace anche perchè è rivolto a tutta la famiglia. Inoltre gli Harlem uniscono i valori dello sport a quelli della pace e dei diritti umani, sono sicuro che sarà una splendida serata”. A beneficiare in parte dei proventi dello spettacolo sarà la fondazione Candido Cannavò per un progetto di aggregazione scolastica mediante lo sport intitolato Stay@school” a favore di ragazzi disagiati di una scuola superiore milanese. Un paio di anni fa la stessa società ha collaborato anche con l’a.s. Baskin di Cremona. Ad accompagnare Zeus in Comune era presente anche Enrico Ferrari per Shot Events, ex giocatore ed allenatore della pallacanestro Desio, di casa al palazzetto. La città del Torrazzo è stata scelta (insieme a sole altre 7 città dell’Italian Tour)  per l’alto livello sportivo della sua squadra di serie A ma anche per il vasto mondo del basket giovanile che sta crescendo di anno in anno.

Fanno parte della storia di questo gruppo americano e mondiale anche celebri campioni dell’Nba, come Reece ‘Goose’ Tatum, Jamario Moon, Meadowlark Lemon e una vera e propria leggenda della pallacanestro come Wilt ‘the Stilt’ Chamberlain. Sport e simpatia, oltre che eccezionali doti atletiche: gli Harlem Globetrotter sono noti per esibirsi anche in sedi inusuali come successo sotto al Colosseo, in mezzo alle file dei turisti, o coi bambini dei Giardini Margherita di Bologna, o ancora all’Aquila nella tendopoli del post terromoto.

Biglietti in vendita sul circuito TicketOne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti