Cronaca
Commenta34

E il Dordoni gioca alla guerriglia urbana, gara con kit da tavolo

Mentre le indagini della polizia sulle violenze di gennaio proseguono e le opposizioni incalzano il Comune per le promesse di chiusura dei centri sociali, il Dordoni è ancora al suo posto e sta pure preparando un evento con un gioco da tavolo che simula proprio la guerriglia urbana. Decine di frequentatori del centro sociale di via Mantova si sono dati appuntamento per domenica 24 maggio. Quel giorno, dalle ore 16, ci saranno la presentazione e successivamente una sessione di gioco di “Riot – The board game”, con la partecipazione dei creatori. “Riot”, una simulazione da tavolo di scontri di piazza, è già approdato con iniziative simili in diversi centri sociali d’Italia negli ultimi mesi. E tra una quindicina di giorni un evento dedicato verrà ospitato dal Dordoni di Cremona. Una settimana dopo il festival antifascista dei fumetti che porterà dalle ore 15 di sabato 16 maggio al Dordoni disegnatori importanti come Zerocalcare, Claudio Calia e Luca Genovese e nel corso del quale è prevista una nuova raccolta fondi per Emilio Visigalli.

“Riot” è frutto di un progetto indipendente portato avanti grazie al crowdfunding online, ossia una raccolta di denaro promossa via internet. Si tratta di una simulazione da tavolo “che parla di conflitto sociale, le parti coinvolte sono polizia, autonomi, anarchici e nazionalisti, abbiamo cercato di rendere una simulazione il più realistica possibile di una situazione di tensione politica e sommossa urbana – si legge nella descrizione redatta dai creatori -, ogni giocatore deve scegliere da che parte stare e ottenere il controllo delle strade della città, occupando i vari quartieri”. “Potrete comprare sul posto Riot, il gioco da tavola più conflittuale di sempre”, si legge nell’invito circolato negli ambienti del Dordoni. Invito che si conclude, in vista della sessione di gioco, con un “vinca il migliore… a patto che non stia usando le fazioni degli sbirri o dei nazionalisti”. Un evento, quello del 24 maggio, destinato a far storcere il naso a più di una persona.

Michele Ferro
redazione@cremonaoggi.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti