10 Commenti

Ciclabile di viale Po invasa da piante 'E' pericolosa, qualcuno ora intervenga' Il Comune: lavori a breve. Bonali (Sel): 'E in commissione il caso parcheggi'

La principale pista ciclabile della città, quella di viale Po, su entrambi i lati, è in condizioni tutt’altro che ottimali e risulta oggi disagevole e pericolosa a causa di una mancata gestione adeguata del verde arboreo. Non è il massimo per una Giunta comunale che sta puntando proprio al rilancio della mobilità sostenibile e quindi anche degli spostamenti su pedali. Da circa una settimana è stata rinnovata la segnaletica orizzontale, che evidenzia, con biciclette dipinte a terra, la percorribilità in entrambi i sensi della pista ciclabile, su ognuno dei due lati del viale. Non è però stato toccato il verde arboreo. Da un paio di mesi la situazione è diventata progressivamente sempre più complicata, lamentano vari residenti.

La crescita delle piante poste tra la pista ciclabile e quella pedonale sta provocando problemi a causa della mancata potatura. I folti rami sono arrivati a invadere l’area dedicata al passaggio delle biciclette. Da largo Moreni a piazza Cadorna, su entrambi i lati del viale, è un susseguirsi di ostacoli per chi pedala. I ciclisti sono infatti costretti continuamente a manovre innaturali e rischiose. Rischiose soprattutto a causa della doppia percorribilità della pista ciclabile: lo spazio di manovra è ristretto. “E’ necessario che qualcuno ora intervenga, prima che ci si faccia male”, ragiona un abitante della zona.

AGGIORNAMENTO – Dal Comune fanno sapere che a breve si concretizzerà un intervento per risolvere la situazione. E sulla questione rilascia dichiarazioni il consigliere di Sel e della coalizione Sinistra per Cremona con delega al Biciplan Filippo Bonali: “In merito alla segnalazione del verde sporgente sulla ciclabile di viale Po mi sono attivato per un sopralluogo rilevando quanto segnalato e confermo che la rimozione dei rami verrà attuata a breve contestualmente ai lavori programmati degli sfalci in zona Po, come riferito dall’assessore Manfredini”.

Bonali sposta poi l’attenzione su un’altra questione, un problema giudicato “ben più grave e pericoloso”: “Molte auto invadono la pista ciclabile, con alcuni casi veramente eclatanti. Le foto sono a testimonianza della cattiva abitudine dei cremonesi di considerare le piste ciclabili come ‘luogo occupabile’. Diventa quindi curioso come si sia pronti a puntare il dito contro un albero (che non può rispondere) piuttosto che contro le cattive abitudini di altri cittadini”. Il dito, c’è da dire, era però puntato sull’Amministrazione. Inoltre la problematica legata ai parcheggi è stata più volte evidenziata da residenti e da Cremona Oggi in passato, non solo per viale Po. “Il tema della coesistenza della pista ciclabile e dei parcheggi su viale Po – conclude Bonali – è un tema che verrà portato all’attenzione della commissione ambiente e mobilità affinché si individuino soluzioni condivise anche con il comitato di quartiere”.

Michele Ferro
redazione@cremonaoggi.it

GALLERIA FOTOGRAFICA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Orlando Brambilla

    Non è l’unico punto in città in cui vi sono dei disagi urbani. Bisogna mettere mano certamente.

    • Sorcio Verde

      Esatto, non è solo viale po ci sono altre situazioni in cui bisogna intervenire……assessore? Toc Toc…..

      • Orlando Brambilla

        ne cito solo due, per dare un esempio, via della vecchia dogana, la gente la prendere come un circuito di formula uno, e alla notte la vicina ferrovia lavora in continuazione..altro punto è la rotonda di via mantova all’altezza di via pippia, le auto che arrivano dal cavalcavia arrivano a folle velocità, idem da via mantova..

      • paolo

        “Assessore toc toc”?e chi sarebbe? Io nella sarabanda di accorpamenti deleghe e ridenominazione con fiabeschi ed idilliaci nomi dei vari assessorati ammetto di essermi un po’ perso…..

  • Orlando Brambilla

    Non è l’unico punto in città in cui vi sono dei disagi urbani. Bisogna mettere mano certamente.

    • Sorcio Verde

      Esatto, non è solo viale po ci sono altre situazioni in cui bisogna intervenire……assessore? Toc Toc…..

      • Orlando Brambilla

        ne cito solo due, per dare un esempio, via della vecchia dogana, la gente la prendere come un circuito di formula uno, e alla notte la vicina ferrovia lavora in continuazione..altro punto è la rotonda di via mantova all’altezza di via pippia, le auto che arrivano dal cavalcavia arrivano a folle velocità, idem da via mantova..

      • paolo

        “Assessore toc toc”?e chi sarebbe? Io nella sarabanda di accorpamenti deleghe e ridenominazione con fiabeschi ed idilliaci nomi dei vari assessorati ammetto di essermi un po’ perso…..

  • paolo

    Ma come? Mi fa specie questa mancanza di attenzione e sensibilità proprio da parte di un’Amministrazione che faceva anche di una innovativa ed ecologica mobilità uno dei cavalli di battaglia del suo programma elettorale….ma poi la annosa questione della pista ciclabile fronte canottieri Flora doveva essere un campanello di allarme….

  • paolo

    Ma come? Mi fa specie questa mancanza di attenzione e sensibilità proprio da parte di un’Amministrazione che faceva anche di una innovativa ed ecologica mobilità uno dei cavalli di battaglia del suo programma elettorale….ma poi la annosa questione della pista ciclabile fronte canottieri Flora doveva essere un campanello di allarme….