Commenta

Agropolis fa sperimentare la vita in carrozzina in giro per le strade

foto Sessa

Nonostante il forte vento, la tradizionale iniziativa di Agropolis e del Comune nell’ambito di ‘Diversamente uguali’ è partita: volontari e amministratori per un’ora hanno fatto un percorso tra le strade cittadine per verificare i tanti, troppi ostacoli agli spostamenti per chi è costretto a stare in carrozzina o ha difficoltà a deambulare oppure deve condurre la carrozzella o il passeggino di un bambino. Tra gli altri, hanno partecipato il sindaco Gianluca Galimberti, la vice Maura Ruggeri, gli assessori Alessia Manfredini, Mauto Platé e Rosita Viola,  il consigliere comunale Carloalberto Ghidotti, il consigliere provinciale Gianluca Savoldi. Normodotati e disabili insieme hanno percorso un itinerario in città, tra ostacoli e non, per verificare i reali disagi che quotidianamente limitano la mobilità delle persone disabili e proporre soluzioni

Dopo la partenza dal piazzale degli autobus di via Dante, una tappa agli uffici comunali di via Geromini, per provare l’accessibilità ai disabili. Altra tappa in piazza Roma, lato portici, per evidenziare la difficoltà per chi è in carrozzina ad accedere alla galleria, ed illustrare come sia possibile intervenire per risolvere il problema. Questa è stata l’occasione per ricordare che il Comune di Cremona è attivo per ridurre gli ostacoli e segnalare che, nel 2014, sono stati effettuati interventi di abbattimento delle barriere architettoniche in largo Paolo Sarpi, via Cadore, piazzale ex tramvie, via Boschetto (fronte farmacia) e in piazza Fiume.
Bambini delle scuole, bendati, accompagnati da un compagno, hanno potuto sperimentare cosa significhi muoversi al buio, inoltre hanno comminato delle multe morali, appendendo un apposito tagliando a chi ha lasciato la propria bicicletta sui marciapiedi ostacolando il passaggio o a chi ha parcheggiato male la vettura intralciando il passaggio.
All’iniziativa di Agropolis  hanno partecipato anche la nazionale dei giornalisti tennisti, membri del Rotary,  personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo, del giornalismo e della scuola, rappresentanti delle associazioni di volontariato e molti giovani.
Presenti anche due classi della Scuola Elementare Trento e Trieste (1^ e 2^ A) e studenti dell’Istituto Tecnico Don Milani di Montichiari. In piazza Stradivari, salutando e ringraziando tutti i partecipanti, il sindaco, fra l’altro, ha detto: “Siamo tutti diversamente abili perché abbiamo sempre bisogno degli altri. Se ci aiutiamo a partire dalle persone più fragili riusciamo a costruire una città migliore per tutti.”
Un ringraziamento particolare da parte degli organizzatori all’Associazione Donatori del Tempo Libero per aver messo a disposizione le carrozzine. In piazza Stradivari un rappresentante dell’ANMIL regionale ha donato una targa ad Agropolis quale riconoscimento dell’impegno profuso in questi anni a favore dei disabili. L’esperienza di Cremona ha “generato” iniziative analoghe: “Pistoia senza barriere”,  e “Albenga senza ostacoli”, che hanno visto la partecipazione di rappresentanti di Agropolis.

© Riproduzione riservata
Commenti