Commenta

A S.Agostino di scena l'Europa delle orchestre amatoriali

Una versione inedita quella con cui si è presentata giovedi 4 giugno  la chiesa di Sant’Agostino, gremita come non mai dagli orchestrali provenienti da Olanda, Estonia, Liechtenstein, Svizzera, Bulgaria, Germania, Italia e Norvegia, con famigliari e accompagnatori, per  il Festival Europeo delle Orchestre Amatoriali.  70o musicisti  e 24 orchestre che si alterneranno in un calendario di concerti gratuiti tra  Cremona e a Crema dal 4 al 7 giugno nell’ambito del progetto Masterclass per Expo 2015 (scarica il calendario). Per l’inaugurazione erano di scena l’Orchestra Sør-Trøndelag, Trondheim (Norvegia), la Symphony Orchestra of Volda University College (Norvegia) e l’Orchestra ContrArco, Milano (Italia).

In precedenza il folto gruppo straniero era stato salutato dal sindaco Galimberti e dal presidente della Camera di Commercio Gian Domenico Auricchio in sala Quadri.  Presenti Daniel Kellerhals, Presidente Federazione Europea delle Orchestre amatoriali, Peter Dettmar, Console Generale di Germania, Massimo Baggi, Console Generale di Svizzera, Barbara Rossi, vice Console di Norvegia, Alessandro Tantardini della Fondazione Stauffer.
“Questo Festival – ha detto il sindaco del Comune di Cremona – è ancora una volta la prova che Cremona può essere considerata la capitale mondiale dei violino e della musica per la sua dimensione giovane, internazionale e innovativa. In questo fine settimana gli alberghi, i ristoranti, le piazze e le vie della nostra bellissima città sono piene ed animate dalla musica e dalla cultura. Così è già stato in altri weekend di maggio è così sarà per tutta l’estate. Dobbiamo essere orgogliosi di quello che stiamo facendo insieme per la nostra città e il nostro territorio. Voi qui ci riempite di orgoglio. E per questo, a nome della città, vi siamo grati. L’energia dei maestri liutai può trasformare i giovani. I giovani pieni di musica e di cultura possono trasformare il mondo in un mondo di pace. Benvenuti a Cremona”.
“Come sistema camerale – ha detto il Presidente della Camera di Commercio – siamo convinti che investire in eventi culturali generi benefici per l’intero sistema sociale ed economico. E la cultura, incrociata alla qualità, alla bellezza, all’innovazione  è la lente attraverso la quale ci guarda il mondo, il motivo principale per il quale i turisti extraeuropei ci eleggono loro meta preferita nell’eurozona, la ragione profonda per la quale dalla Cina al Brasile dall’Australia alla Russia si compra made in Italy. Proprio per questo la Camera di Commercio in questi ultimi anni ha molto lavorato per la promozione delle nostre eccellenze più emblematiche, la liuteria e la musica, collaborando in particolare nella realizzazione delle Masterclass. L’obiettivo è accreditare il territorio cremonese come  palcoscenico ideale per i molti musicisti e appassionati che vogliono vivere l’esperienza straordinaria di avere un momento formativo e di suonare nella terra di  Stradivari. Una tradizione e un’esperienza, quella delle Masterclass, che si è ampliata e arricchita negli anni. Rispetto alla prima edizione, svoltasi a Cremona nel 2010, il numero dei partecipanti alle manifestazioni è aumentato in modo considerevole, passando dai  45 del 2010 ai 2.115 del 2015, anno di Expo, mentre dai 7 concerti del 2010 si è arrivati ai 98 del 2015.”

Masterclass per Expo 2015 è un’iniziativa che vede in prima linea la Camera di Commercio e il Comune di Cremona, organizzato in collaborazione con Regione Lombardia e Unioncamere, Comune di Casalmaggiore e Comune di Crema, Distretto culturale e Distretto della Musica, Consorzio Liutai “Antonio Stradivari” Cremona, Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi” di Cremona, Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari, Fondazione Stauffer, Fondazione “Città di Cremona”, Istituto di Istruzione Superiore “Antonio Stradivari”, Coro “Costanzo Porta”, Touring Club, Confcommercio Cremona e Associazione “Le Botteghe del Centro”. Il ricco programma del Festival si colloca nell’ambito del progetto “Le eccellenze del territorio cremonese per Expo 2015” a valere sul Bando per l’attrattività turistica per Expo 2015 cofinanziato da Regione Lombardia.

Il Festival delle Orchestre Europee è organizzato, ogni tre anni, da EOFed, European Orchestra Federation, fondata nel maggio del 2009 con sede in Lussemburgo. L’ EOFed rappresenta più di 20 paesi europei con più di 5000 orchestre e diverse decine di migliaia di musicisti amatoriali di tutte le età. Un’associazione di orchestre amatoriali europee nata con l’intento di sostenere ed incoraggiare i giovani e chi fa musica a livello amatoriale, soprattutto ensemble di musica da camera, orchestre da camera e sinfoniche. Si prefigge di favorire i contatti, stimolare ed offrire occasioni per la conoscenza reciproca, rafforzare i legami, tra musicisti ed orchestre, con un’attenzione speciale rivolta ai giovani. Accoglie tra i suoi membri orchestre, gruppi e musicisti singoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti