Commenta

Contributo affitto, bando aperto: scadenza il 10 luglio

Comune

E’ aperto il bando per il contributo affitto 2015: il termine per presentare le istanze è stato fissato al 10 luglio 2015. Per poter fare la domanda, ricordano da Palazzo comunale, è necessario fissare un appuntamento ai seguenti numeri: se il cognome inizia con lettera compresa tra la A e la L 0372 407613 – UFFICIO ALLOGGI, VIA DEI COLONNETTI 4 (nei giorni di lunedì e giovedì dalle 9.30 alle 13,00-mercoledì’ dalle 8.30 alle 16), se il cognome inizia con lettera compresa tra la M e la Z 0372 407316, POIS corso Vittorio Emanuele, 42 (nei giorni di martedì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 9.30)

I requisiti richiesti sono i seguenti: residenza a Cremona; contratto di affitto valido di alloggio privato; ISEE – FSA fino al massimo di 7.000,00 Euro (tale limite non si applica ai nuclei famigliari composti esclusivamente da uno o due soggetti che abbiano come unica fonte di reddito la pensione minima INPS). I cittadini extracomunitari dovranno presentare: permesso di soggiorno o carta di soggiorno in corso di validità; svolgimento di attività lavorativa anche non continuativa; residenza in Regione Lombardia da almeno 5 anni o in Italia da almeno 10 anni.

Sono motivi di esclusione: ISEE – FSA superiore a 7.000,00 Euro; patrimonio (mobiliare e imobiliare superiore a € 10.330,00 aumentati di € 5.165,00 per ogni ulteriore componente); occupazione di alloggio di metratura superiore a 110 mq, aumentato del 10% per ogni ulteriore componente della famiglia dopo il 4°; essere proprietari di un alloggio adeguato in Regione Lombardia; essere assegnatari di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica del Comune o dell’Aler; avere in corso una qualsiasi procedura di sfratto.

Gli altri dati necessari o da dichiarare per accedere al Servizio sono: documento di identità valido e/o permesso o carta di soggiorno; presenza nel nucleo di eventuali invalidi con percentuale superiore al 66%; dichiarazione dei redditi anno 2014; qualsiasi altra entrata (aiuti economici pubblici e privati, pensione di invalidità, altri redditi non oggetto di dichiarazione dei redditi, ecc.); saldo c/c bancario o postale o carta prepagata al 31/12/2014 e eventuali altri titoli, azioni, depositi, ecc.; valore ai fini IMU di immobili o proprietà eventualmente possedute; spese sanitarie sostenute nell’anno 2014; spese per rette di ricovero di familiari ultrasessantacinquenni in casa di riposo anno 2014; dati riferiti al contratto di affitto (da esibire): durata e data di stipula – ultima registrazione o certificazione cedolare secca – dati e recapiti dei proprietari; metratura dell’alloggio e categoria catastale; canone affitto pagato nel 2015; dichiarazione proprietario assenza morosità; codice IBAN per bonifico bancario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti