Commenta

Progetto 0-30: inserimento lavorativo per ragazzi autistici

Gli imprenditori che hanno scelto di credere e di investire nel progetto sono già undici. Ne mancano almeno altri quattro perchè l’idea, nata dall’Ambulatorio riabilitativo minori di Fondazione Sospiro in collaborazione con I bambini delle fate, possa realizzarsi. Ma Progetto 0-30: passi da gigante è per Cremona fin da ora una sfida. Un percorso triennale che vuole accompagnare i ragazzi con problemi di autismo nel loro inserimento nel mondo del lavoro. Non si parla di autismo ma di autismi, tanti quanti sono le diverse abilità di ognuno, le diverse capacità e forme di espressione che distinguono ciascun bambino, ciascun ragazzo dagli altri.

Per questo ad occuparsi della formazione dei ragazzi dovrà essere un team di specialisti, in grado di lavorare a stretto contatto, tenendo conto delle singolarità, delle abilità e dei bisogni espressivi di ognuno.

Perchè il progetto possa partire è necessario l’aiuto di tutti, cittadini, utenti,imprenditori. Undici le aziende che hanno già aderito sul territorio, ne servono altre quattro entro la fine di giugno. Per garantire ai ragazzi con questo tipo di disturbo una continuità educativa, un’opportunità professionale, la possibilità di inserirsi concretamente nel mondo degli adulti.

Per sostenere l’iniziativa si può scrivere una mail all’indirizzo marilena.zacchini@fondazionesospiro.it o telefonare al 342-1601767. La solidarietà chiama di nuovo a raccolta i cremonesi.

Michela Cotelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti