Commenta

Cremona-Mantova, Bocciata mozione M5S Si astiene il Pd

autostrada-evid

Respinta dal Consiglio regionale la mozione  di Andrea Fiasconaro del M5S  che chiedeva l’abbandono del progetto dell’autostrada Cremona Mantova. “Il Governo regionale – commenta Fiasconaro  – ha perso l’ennesima occasione per abbandonare  l’idea, ormai sostanzialmente utopica, di realizzare il tratto autostradale Cremona-Mantova. Qualora non fossero sufficienti le mille incognite del progetto e l’aumento spropositato di costi di oltre il 40% (più di 1 miliardo di euro) si è aggiunta la lettera che l’avvocato Di Matteo ha inviato ai Comuni qualche settimana fa, imponendo alla Regione di rimuovere dai terreni il vincolo di salvaguardia urbanistica. Nella mozione respinta ho ribadito con fermezza due richieste di impegno alla giunta: sospendere i lavori di progettazione e realizzazione dell’autostrada e destinare il contributo regionale attualmente previsto, pari a circa 108 milioni di euro, per riqualificare l’esistente o per realizzare altre opere viarie leggere come, per esempio, il tratto della tangenziale di Mantova. La nostra richiesta è anche il modo per chiarire definitivamente se quei soldi si possono spendere per realizzare altre opere o se invece sono vincolati all’autostrada, come qualcuno sostiene soprattutto nel cremonese. Si poteva mettere definitivamente la parola fine a questo tratto e investire con criterio su infrastrutture realmente necessarie e sostenibili, tutto ciò è stato ignorato. Spiace infine constatare l’astensione del PD: anche loro, infatti, hanno perso la preziosa opportunità di dire basta alla farsa dell’autostrada e di indicare come spendere meglio le poche risorse pubbliche a disposizione. E’ bene che tutti i cittadini e i comitati sul territorio lo sappiano”.

Di tutt’altro tenore il commento di Carlo Malvezzi, consigliere Ncd. “L’autostrada Cremona-Mantova era e rimane tra le opere infrastrutturali che Regione Lombardia considera prioritarie e su cui manterrà l’impegno alla realizzazione. La netta bocciatura della mozione del Movimento 5 stelle, che ne chiedeva la sospensione della progettazione e del successivo avvio dei lavori, è l’ennesima dimostrazione di questo. Rilevo con sorpresa, purtroppo, l’astensione del gruppo consiliare del Partito Democratico che, attraverso i suoi esponenti cremonesi, si è sempre espresso in modo favorevole all’opera. L’astensione di oggi è una mezza benevolenza nei confronti di chi non vuole la realizzazione dell’autostrada”.

Lo ha detto Carlo Malvezzi, consigliere regionale del Nuovo Centrodestra, che è intervenuto nel dibattito in aula sul tracciato autostradale di prossima realizzazione per difenderne l’utilità. “Il progetto autostradale – ha spiegato Malvezzi – è stato studiato nel dettaglio per minimizzare l’impatto paesaggistico e sull’ecosistema naturale anche con soluzioni innovative e gradite agli uffici VIA regionali ed alla Commissione VIA nazionale. Il progetto, anzi, valorizza alcuni ambienti naturali rilevanti legati alla rete ecologica provinciale e regionale nelle due province”. In più, il consigliere NCD ha sottolineato che “la Cremona-Mantova è anche un esempio di sinergia in termini di trasporto intermodale per costruire un corridoio integrato tra strada e ferrovia finalizzato al trasporto collettivo. A questo proposito sono state studiate opportunità di interscambio modale (gomma/ferro) tra mezzi di trasporto non solo in corrispondenza dei due capoluoghi, ma anche in località intermedie (Piadena scalo ferroviario)”. In particolare specifico protocollo d’Intesa sottoscritto prima della aggiudicazione della concessione “prevede l’eliminazione di circa 50 degli oltre 70 passaggi  a livello che oggi insistono nella tratta ferroviaria tra Cremona e Mantova. Insomma – ha concluso Malvezzi – stiamo parlando di un’opera che si configura come struttura portante dell’itinerario est-ovest della pianura lombarda, confermato dagli studi di traffico aggiornati fino a qualche mese fa. Andando a connettersi con altre strade (Paullese), l’autostrada Cremona-Mantova può davvero costituire un itinerario veloce di unione tra il Capoluogo regionale ed i territori di sud est”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti