16 Commenti

Stanziati dalla Regione 187mila euro per le scuole private del territorio

evid-asili

Un sostegno da Regione Lombardia arriva dalle scuole dell’infanzia non statali e non comunali con un contributo di 8 milioni di euro relativo all’anno scolastico appena trascorso. Tante sono infatti le risorse assegnate su scala regionale, che vedono, per la provincia di Cremona, lo stanziamento di oltre 187mila euro da distribuire ai 37 istituti risultati beneficiari.

Grande la soddisfazione di Carlo Malvezzi, consigliere regionale del Nuovo Centrodestra: “Con questi contributi che annualmente confermiamo – spiega – si certifica ancora una volta il riconoscimento della funzione sociale delle scuole non statali e non comunali senza fini di lucro e quindi l’attuazione di un concreto principio di sussidiarietà”.

Per il territorio della provincia di Cremona arriveranno 187.627 euro da suddividere per 37 scuole, distribuite in 23 comuni, con 2.460 alunni accolti in totale. In particolare, per la città di Cremona, le scuole interessate sono: Soc coop Il Cortile, soc coop Iride, Istituto Figlie del Sacro Cuore di Gesù, l’Opera Pia Ritiro Sant’Angelo e la scuola paritaria Sacra Famiglia.

Le risorse, come previsto dalla legge regionale 19/07, servono a contenere le rette a carico delle famiglie, “soprattutto in un contesto di crisi economica e finanziaria come quello attuale – ha precisato Malvezzi –. Si tenga conto inoltre che sul territorio lombardo il numero di bambini frequentanti le scuole dell’infanzia autonome è sempre più rilevante e che in parecchi comuni lombardi l’istruzione per questa fascia di età è garantita unicamente da queste scuole. Ciò dimostra, da una parte, la qualità dell’offerta riconosciuta dalle famiglia e dall’altra il ruolo suppletivo di questi istituti nell’erogazione dei servizi educativi. La libertà educativa resta un caposaldo della politica di Regione Lombardia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    Articolo 33

    L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.

    La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.

    Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

    La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.

    E` prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.

    Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.

    • luke

      Va benissimo che ci siano scuole private finche’ non ricevano sovvenzioni statali o da enti ad esso riconducibili sottraendone alla scuola pubblica … e’ forse questo il caso? il dubbio permane

      • antonio1956

        Sembrerebbe ….

  • Nokia

    Articolo 33

    L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.

    La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.

    Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

    La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.

    E` prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.

    Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.

    • luke

      Va benissimo che ci siano scuole private finche’ non ricevano sovvenzioni statali o da enti ad esso riconducibili sottraendone alla scuola pubblica … e’ forse questo il caso? il dubbio permane

      • antonio1956

        Sembrerebbe ….

  • Telafó Giovanni

    Non é che c’è un errore nel titolo??

    • me

      penso di no….continua la dismissione del servizio pubblico da parte dello stato!

    • un fascio di luce

      187 milioni!!! direi proprio che c’è un errore nel titolo. 😉

  • Telafó Giovanni

    Non é che c’è un errore nel titolo??

    • me

      penso di no….continua la dismissione del servizio pubblico da parte dello stato!

    • un fascio di luce

      187 milioni!!! direi proprio che c’è un errore nel titolo. 😉

  • Massimo Franzini

    Togliere ai poveri per dare ai ricchi.

  • Massimo Franzini

    Togliere ai poveri per dare ai ricchi.

  • antonio1956

    Libera scuola privata in libero Stato, ma non a spese dello Stato !

  • antonio1956

    Libera scuola privata in libero Stato, ma non a spese dello Stato !