Ultim'ora
Commenta

Evasione fiscale: il Comune ha riscosso oltre 200mila euro

Grazie alle segnalazioni inviate dai competenti uffici comunali in collaborazione con Ica SpA (concessionario della riscossione) il Comune di Cremona ha ricevuto in questi giorni la quota delle riscossioni realizzate dall’Agenzia delle Entrate nel 2014 pari a 232.458,60 euro. Per contrasto all’evasione fiscale il nostro Comune, in Lombardia, si colloca così al terzo posto dopo Milano e Bergamo. “Un risultato importante  anche rispetto alla previsione, che era di 180mila euro, mentre lo scorso anno la somma incassata era stata di 194.851,31 euro”fanno sapere dall’amministrazione. Seguono Brescia (201.163,67 euro), Lecco (159.374,09 euro), Monza (64.961,08 euro), Mantova ( 52.375,96 euro),  Como (46.575,30 euro), Pavia ( 9.126,15 euro) e Varese (8.693,13 euro).

Al  Comune di Cremona viene infatti attribuita una compartecipazione con l’Agenzia delle Entrate nell’accertamento fiscale erariale. “Questo è frutto dell’attività di verifica e di incrocio delle  banche dati comunali con quelle messe a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, nonché dell’indicazione di situazioni di evasione fiscale all’amministrazione finanziaria attraverso le cosiddette segnalazioni qualificate – evidenzi ancora l’amministrazione. “Queste, una volta prese in carico, fatti i necessari approfondimenti, possono essere archiviate o determinare accertamenti erariali per i quali al Comune viene riconosciuta una quota di compartecipazione sulle maggiori somme (tributi erariali, interessi e sanzioni) pari al 100%. Tale quota che resterà tale nel triennio 2015-2017”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti