Commenta

Via Brescia, aperta la rotonda La settimana prossima toccherà al sottopasso

Slitta la fine lavori in via Esilde Soldi, la cui riapertura era prevista per novembre. Ad andar bene la strada di collegamento tra via Persico e via Brescia riaprirà a fine anno, ma con il maltempo che ormai è arrivato è probabile che si vada più in là. Il fattore meteo e la delicatezza dei lavori da eseguire su quattro reti di impianti – sottoservizi rendono necessario posticipare la data di riapertura, molto attesa da abitanti e attività economiche della zona. A tale proposito, la Giunta comunale ha stabilito di avviare le procedure per il riconoscimento dell’esenzione dal pagamento dei tributi locali, per l’anno 2015, alle attività commerciali ed artigianali interessate da questo cantiere (tratto compreso fra l’incrocio con via Brescia e quello con via Turati). Proprio stamattina, intanto, sono state tolte le transenne attorno alla nuova rotonda realizzata all’intersezione tra via Brescia, via E.Soldi e via S.Bernardo. Per ora la circolazione è consentita solo in quest’ultima direzione, ma dalla settimana prossima aprirà al traffico automobilistico anche il sottopasso ferroviario: un senso unico in entrata verso la città, mentre l’altra corsia sarà riservata al doppio senso di pedoni e ciclisti. Una soluzione come noto molto tribolata, che non accontenta tutti ma che si configura come un male minore. Il giorno preciso della riapertura non è ancora stato fissato e avverrà non appena ultimati alcuni lavori di completamento.

Intanto fanno sentire la loro voce i residenti di  via Francesco Soldi che temono un eccessivo sovraccarico di mezzi su questa via, che resterà a doppio senso di marcia, mentre la parallela via Esilde Soldi, quando riaprirà, sarà a senso unico e non ci si potrà più immettere in via Persico.  Via Cavo Cerca è diventata praticamente una strada chiusa, stretta  tra le ‘barricate’ in cemento armato dell’inizio del sottopasso. La rivoluzione viabilistica in questo comparto è appena cominciata.

Simone Bacchetta  – Giuliana Biagi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti