5 Commenti

Sosta e fermate 'fai da te'
in via Dante,
il problema non è risolto

E' solo uno dei tanti esempi di sosta 'fai da te', quello del tratto di via Dante tra i bar Dondeo e S. Giorgio, nella foto inviataci da un lettore.

E’ solo uno dei tanti esempi di sosta ‘fai da te’, quello del tratto di via Dante tra i bar Dondeo e S. Giorgio, nella foto inviataci da un lettore. Dove si vede chiaramente l’invasione del marciapiede da parte di alcuni mezzi. “E’ bastato che  mettessero i dissuasori di fronte al Dondeo, perchè il problema si spostasse pochi metri più avanti”, commenta il lettore. E’ uno dei tanti esempi che si riscontrano per la città, dove le piste ciclabili per la verità non mancano, ma spesso soccombono di fronte alle comodità degli automobilisti.

Tra i nuovi percorsi protetti destinati ai ciclisti che dovrebbero veder la luce a breve nell’ambito del Biciplan, c’è quello di via Mantova: correrà lungo il lato destro (proveniendo da periferia in direzione piazza Libertà) e comporterà l’eliminazione dei parcheggi su strada che fiancheggiano il muretto del foro Boario. Fermi restando i rischi del parcheggio ‘fai da te’.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Zac!

    Poco importa: le bici vanno sui marciapiedi, contromano, nelle isole pedonali. La ciclabile è l’unica che non percorrono! E questo, proprio in Via Dante!

    • Ginocr

      Vedi come si comportano i ciclisti a porta venezia, dove regolarmente viene ignorata la pista ciclabile e utilizzata la strada perchè piu comoda, vedi ea esempio uando da c.so matteotti vanno in via brescia, in pochi utilizzano la pista ROSSA.

  • Marco Dini

    Nella foto si vede chiaramente che anche con i dissuasori ci sono auto in sosta…..quelli che non di vedono MAI sono i vigili…..per quanto riguarda i ciclisti basterebbe una giornata di controlli a porta Venezia per fermarne una valanga .

  • Orlando Brambilla

    Basterebbe dare le multe sia a chi con le auto parcheggia abusaivamente e chi il bicicletta non rispetta le regole. Non è complessa la risoluzione, solo buona volontà delle forze dell’ordine, e senso civico da parte delle persone. Credo che sia l’uno che l’altro..siano qualità molto carenti da ambo le parti. Tenendo conto che di contro ci sono

    automobilisti corretti e ciclisti che quotidianamente per andare al lavoro usano le piste ciclabili.

    • Marco Dini

      Hai ragione!!!!!!!