Commenta

Telecamere e tabellone in tilt
al PalaRadi, il Comune corre
ai ripari

Lavori urgenti al PalaRadi, che essendo teatro dei match di ben due squadre di serie A, la Vanoli e la Pomì, necessita di essere sempre perfettamente funzionante. 12.900 euro spesi per riparazione telecamere di videosorveglianza e nuovi cristalli dei tabelloni.

Lavori urgenti al PalaRadi, che essendo teatro dei match di ben due squadre di serie A, la Vanoli e la Pomì, necessita di essere sempre perfettamente funzionante. Per questo il Comune ha stanziato 12.900 euro, per la riparazione delle telecamere di videosorveglianza e per la sostituzione dei cristalli dei tabelloni della pallacanestro. Nello specifico, il costo è pari a 7.900 euro per il primo intervento e 4.900 per il secondo.

“A seguito di segnalazione da parte della Questura di Cremona, in occasione di una partita di basket e del successivo sopralluogo, effettuato dai tecnici comunali, si è riscontrato un malfunzionamento dell’impianto di videosorveglianza del Palaradi e pertanto l’impianto risulta inutilizzabile” si legge nella determina comunale. “Poichè per motivi di ordine pubblico è necessario provvedere alla riparazione dell’impianto, si è ritenuto opportuno richiedere il preventivo di spesa alla ditta Disaitalia Sistemi s.r.l. di Gadesco Pieve Delmona, che aveva installato l’impianto e che ha tuttora, in carico la manutenzione”.

La rottura del tabellone si è invece riscontrata dopo la Fiera del Bovino da Latte. “Durante le operazioni di ripristino della pavimentazione e del campo gara presso il Palazzetto dello Sport ‘Palaradi’ dopo il termine della Fiera Internazionale del Bovino da latte, si provvedeva a posizionare anche i tabelloni del basket. Uno di essi presentava il cristallo scheggiato e pertanto non era più utilizzabile” si legge ancora nella determina. “Stante l’urgenza di provvedere in quanto è in corso il campionato di basket di serie A e verificato che il prodotto in oggetto non è reperibile in alcuna convenzione Consip attiva, si provvedeva a contattare la ditta già installatrice dei tabelloni e fornitore presente sul mercato elettronico della pubblica amministrazione (MEPA). La stessa informava che quel tipo di cristallo non è più in produzione e che era pertanto necessario modificare i tabelloni esistenti. Alla luce di quanto sopra, si rende necessario acquistare n. 4 cristalli nuovi, in quanto sul campo di gioco devono rimanere ‘a disposizione’ altri 2 cristalli, in caso di necessità, così come previsto dalle norme federali europee ed italiane”.

© Riproduzione riservata
Commenti