Commenta

Norme più severe nelle case
Erp, Virgilio: 'Riscrivere regole
della convivenza'

Il Comune modifica i contratti di locazione delle case popolari: la durata dell'affitto non sarà più di quattro anni, ma vincolata alla sussistenza dei requisiti per l'assegnazione.
L'assessore alla Casa Andrea Virgilio

Approvate dalla Giunta alcune modifiche relative allo schema di contratto di locazione degli alloggi di edilizia pubblica residenziale comprensivo del Manuale d’uso e del manuale di ripartizione delle manutenzioni nei fabbricati ERP presentate dall’assessore alla Casa Andrea Virgilio. Sono stati effettuati alcuni adeguamenti dello schema di contratto di locazione riguardanti principalmente la durata del contratto, non più prevista in quattro anni rinnovabili, bensì collegata alla sussistenza dei requisiti della permanenza dell’ERP, alla mancata sussistenza delle condizioni di decadenza e di inadempimenti contrattuali. “Nell’imminenza del rientro degli alloggi Erp – dichiara l’Assessore alla Casa – si è ritenuto opportuno integrare il manuale d’uso degli alloggi di edilizia pubblica residenziale, prevedendo, da un lato, una più articolata serie di doveri a carico degli inquilini e, dall’altro, introducendo misure di carattere sanzionatorio quali forme di deterrenza rispetto a violazioni riguardanti comportamenti imposti o vietati. Diventa infatti prioritario operare per garantire un clima di convivenza non solo attraverso una maggiore prossimità delle istituzione in quei contesti e attraverso interventi di mediazione sociale ma anche valorizzando il rispetto delle regole, del contesto abitativo e delle parti comuni.”

Le sanzioni sono state graduate a seconda della gravità e della reiterazione delle violazioni, passando da misure di carattere pecuniario alla decadenza delle assegnazioni, prefigurando anche sanzioni alternative a quelle aventi carattere economico (cura del verde, piccole riparazioni a favore degli inquilini più fragili, tinteggiatura parti comuni, sostituzione di lampadine). La procedura di irrogazione delle sanzioni è stata individuata in modo tale da garantire la più ampia partecipazione del soggetto che ha commesso la violazione.

© Riproduzione riservata
Commenti