Commenta

Ecosistema scuola, Cremona
nel rapporto di Legambiente
sale al 21esimo posto

Cremona al 21esimo posto nella graduatoria dei capoluoghi italiani stilata da Legambiente nel rapporto Ecosistema scuola 2015, che mette insieme i risultati dello studio annuale sulla qualità dell’edilizia scolastica, delle strutture e dei servizi scolastici della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado (dati riferiti al 2014). La graduatoria generale è “il risultato della somma dei dati relativi alle informazioni generali sugli edifici, le certificazioni, la manutenzione, i servizi messi a disposizione delle istituzioni scolastiche, l’avvio di pratiche ecocompatibili, l’esposizione a fonti di inquinamento ambientale interne ed esterne agli edifici scolastici e i monitoraggi ambientali”, si legge nel rapporto. Cremona era 32esima nel rapporto 2014, 26esima nel rapporto 2013 e 22esima nel rapporto dell’anno precedente.

Il capoluogo cremonese è in quinta posizione nella classifica sulle buone pratiche (che analizza dati relativi alle pratiche ecocompatibili, come la disponibilità di scuolabus, piedibus, biblioteche per ragazzi, sicurezza urbana e altro) e al 68esimo posto nella graduatoria del rischio (che rappresenta i Comuni dove le scuole sono esposte a un maggiore rischio ambientale interno ed esterno, oltre che a rischio elettromagnetismo: “I Comuni che si trovano più in basso nella graduatoria – spiega Legambiente – non è detto che siano senza scuole a rischio, potrebbero non aver compiuto dei monitoraggi ambientali accurati, al contrario di quelli nelle prime posizioni”). E’ Brescia (nona a livello nazionale), ad aprire la classifica dei Comuni lombardi. Seguono Sondrio (13esima), Cremona (21esima), Lecco (24esima), Varese (25esima), Milano (28esima), Mantova (31esima), Pavia (38esima), Lodi (56esima) e Como (58esima). Monza e Bergamo, che hanno inviato dati incompleti (meno del 50% dei richiesti), non sono state inserite in graduatoria.

© Riproduzione riservata
Commenti