2 Commenti

'I soldi o ti ammazzo',
minorenne rapinato
in viale Po

Inseguito all'una e mezza di notte, al rientro da una serata trascorsa in centro con amici, e derubato del portafoglio contenente appena 50 euro. E' la brutta avventura capitata a un ragazzo cremonese tra sabato e domenica, mentre stava tornando a casa, al quartiere Po.

Inseguito all’una e mezza di notte, al rientro da una serata trascorsa in un locale del centro con amici, e derubato del portafoglio contenente appena 50 euro. E’ la brutta avventura capitata a un ragazzo cremonese tra sabato e domenica, mentre stava tornando a casa, al quartiere Po. All’altezza di piazza Cadorna il ragazzo, minorenne, viene  avvicinato da un giovane in bicicletta che gli intima di dargli dei soldi. Il ragazzo rifiuta e liquida lo sconosciuto proseguendo per il rientro a casa, ma dopo circa trecento metri lo sconosciuto scende dalla bici, l’appoggia al muro ed affronta con decisione il ragazzo intimandogli di consegnargli i soldi altrimenti l’avrebbe ammazzato. A questo punto il minore estrae il portafogli dalla tasca dei pantaloni e con gesto fulmineo il rapinatore se ne impossessa tirando fuori una banconota da € 50 e la carta d’identità. Di seguito sale sulla bici e si dà alla fuga, perdendo però il proprio telefono cellulare. La vittima della rapina raccoglie il telefono da terra e nell’accenderlo vede che vi sono scattate delle foto che ritraggono il volto del rapinatore per cui avvisa immediatamente il padre. Una volta arrivati alla caserma dei Carabinieri per la denuncia, i militari riconoscono dalle foto B.M. di anni 24, già conosciuto per altri fatti, quale soggetto indicato dal minore come autore della rapina. Scattano subito le ricerche e le perquisizioni che consentono di individuare il giovane appena rientrato a casa e con la refurtiva ancora in tasca, in possesso anche di modico quantitativo di sostanza stupefacente del tipo “hashish” e “marijuana”. Sulla base di tali elementi i militari del NOR procedevano al suo arresto per rapina aggravata e nella mattinata di domani verrà celebrato rito direttissimo come disposto dal PM Fabio Saponara della Procura della Repubblica di Cremona.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • luciano

    Castigatelo per bene!

  • Massimo Franzini

    E’ il disagio di tutta la società, non è colpa sua.