2 Commenti

Case popolari, al via
l'operazione 'tutor'

Parte con febbraio il nuovo corso negli alloggi Erp gestiti dal Comune. Individuati i tutor condominiali che faranno da raccordo tra amministrazione comunale e inquilini. In prospettiva c'è anche l'ingaggio dei condomini in cooperative di tipoB per garantire loro un lavoro.

Cominciano a prendere servizio da febbraio i ‘tutor’ condominiali su cui il Comune punta molto per inaugurare una nuova stagione di gestione della convivenza nelle case popolari. Li vedranno all’opera, ad esempio, gli inquilini di largo Pagliari – via Cadore, il più grosso agglomerato di alloggi Erp in centro storico. Un passaggio non semplice, quello fortemente voluto dall’assessore Andrea Virgilio nel momento in cui è stato scelto di far transitare la gestione di tutti gli oltre 1000 alloggi Erp di proprietà al controllo diretto degli uffici comunali, non rinnovando la convenzione con Aler, che però continua a gestire i propri appartamenti, tra i quali quelli del quartiere Cambonino. “L’intenzione però è quella di arrivare presto a forme di collaborazione con Aler che esportino il modello dei ‘tutor’ anche nei loro immobili”, afferma Virgilio.  I tutor, “non devono essere intesi come geometri o manutentori, per gli interventi pratici ci saranno i tecnici del Comune”. Ma dovranno assolvere al delicato compito di intermediazione tra le richieste degli inquilini e la proprietà. Responsabilizzazione degli inquilini è la parola chiave nell’ottica anche di un inserimento lavorativo degli inquilini che un lavoro non ce l’hanno: a progetto avviato, infatti, c’è l’intenzione di integrare gli inquilini disponibili in cooperative di tipoB, per effettuare la manutenzione degli immobili.

I tutor sono stati ‘arruolati’ dalle cooperative che hanno partecipato alla selezione indetta dal Comune a dicembre, con un costo per le casse di 180mila euro a base d’asta. Si tratta di un pool di cooperative già note ai servizi sociali ed educativi dell’ente locale: capofila è Iride, che guida un’associazione temporanea costituita anche da Fuxia, Arca, Carità e Lavoro, Nazareth, Altana, Bessimo.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Selezione, base d’asta….diciamo che alcune cooperative si sono messe assieme e non c’è stato praticamente alcun ribasso di prezzo….. (179982 euro quindi un ribasso pari all’0.1 per mille) tutto lecito, vedremo cosa cambierà ne condomini ALER ,ma intanto …e io pago!!!!!!!!!!! https://www.comune.cremona.it/node/458730

  • paolo

    Mi meraviglia che si dia tanto risalto ad un progetto che esiste già da almeno 4 anni l’assessore Virgilio probabilmente lavorando in provincia NON SAPEVA CHE I TUTOR ESISTONO DA DIVERSI ANNI , LA LORO Utilità PER ME è MOLTO SCARSA … AL LORO POSTO POTREBBERO METTERE UN EX BIDELLO DELLE SCUOLE E ASSOLVEREBBE AGLI STESSI COMPITI … POVERA CREMONA