Commenta

A S. Valentino i più gettonati
per dire 'Ti amo' sono i fiori
Cremona tra città meno care

Poco più di 20 euro per dire “ti amo” con i fiori. Secondo una rilevazione di Coldiretti Lombardia fra gli operatori del settore, sarà questa la spesa media in piante e fiori per la giornata di San Valentino. Cremona, in questo senso, risulta essere una delle città meno care della Lombardia. Per un buquet si parla infatti di una spesa tra i 15 e i 20 euro, così come a Como e Lecco (e tra i 12 ai 20 euro a Varese e Sondrio). Costa di più invece a Pavia, dove si spendono in media dai 20 ai 30 euro a confezione; ma anche a Bergamo, a Lodi, a Milano e a Monza, dove si spende fra i 20 e i 25 euro. A Brescia addirittura si va dai 25 ai 30 euro per un bouquet. A Mantova invece si spende tra 15 e 30 euro.

La regina resta la rosa, anche se guadagnano posizioni gli anthurium, le begonie, le gerbere e le varietà in vaso come orchidee e kalanchoe. Saranno circa un milione i lombardi che – stima la Coldiretti regionale – andranno da fioristi e vivaisti per la giornata degli innamorati. Ovviamente – spiega Coldiretti Lombardia – dipende dalla grandezza del bouquet o del vaso e dalla varietà di piante o fiori scelta: le singole rose, ad esempio, possono andare dai 3 ai 7 euro, mentre le orchidee partono dai 10 euro a pianta, mentre chi vuole risparmiare può puntare sulle primule che costano poco più di mezzo euro l’una

“Piante e fiori – spiega Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia – sono fra i regali più apprezzati per San Valentino, ma rappresentano anche un comparto agricolo molto importante visto che in Lombardia dà lavoro a oltre 14 mila persone, con circa 5mila imprese attive e un giro d’affari che, pur colpito dalla crisi, resiste sopra i 200 milioni di euro”. In Lombardia la superficie dedicata al florovivaismo supera i 6 mila ettari e le province più vocate sono Mantova e Cremona, mentre Monza Brianza, Lecco, Varese e Como hanno puntato su produzioni specializzate. Secondo l’ultimo censimento dell’agricoltura, le superfici florovivaistiche a livello provinciale sono così distribuite: Varese 322 ettari, Como 480, Sondrio 12, Milano 324, Bergamo 475, Brescia 843, Pavia 232, Cremona 901, Mantova 1.768, Lecco 337, Lodi 104 e Monza Brianza 362.

Attenzione ai colori. Per San Valentino bisogna prestare attenzione ai colori dei fiori che si regalano. Per esempio – spiega la Coldiretti – le rose rosse raccontano passione, quelle bianche testimoniano l’amore puro e spirituale mentre il color pesca vuole comunicare un amore segreto, l’arancio esprime fascino, il rosa amicizia, affetto e gratitudine. La rosa di colore giallo – continua la Coldiretti – oltre a simboleggiare un amore disperato e geloso, potrebbe però significare anche tradimento o amore in declino, mentre il garofano bianco significa fedeltà, quello giallo eleganza, quello rosa amore reciproco e quello rosso amore vivo e intenso; per il tulipano, invece il colore rosso vuole essere un’elegante dichiarazione d’amore mentre lo screziato rappresenta un complimento per gli occhi della persona amata. Infine il papavero, simbolo di tranquillità e serenità, è perfetto per chi, in questa occasione, voglia rassicurare il partner e comunicargli che tutto procede per il meglio.

Regali. Non solo fiori per San Valentino, ma anche cibi che fanno bene all’amore: dal “cuore di pane” ai super food dell’eros. Sono solo alcune delle versioni della tavola dei sentimenti che gli agricoltori della Coldiretti porteranno domenica 14 febbraio a Cremona, in piazza Stradivari, dalle 8 alle 19 nel primo farmers’ market afrodisiaco della Lombardia. Ogni gazebo avrà il suo San Valentino.

• Stile romantico: con torte, biscotti e pane a forma di cuore.
• Stile “la classe non è acqua”: con il vino Franciacorta e il rosso “12 lune”.
• Stile energetico: con il miele e la pappa reale, alimenti rinforzanti grazie al loro concentrato di energia e di vitamine del gruppo B.
• Stile sensuale: con prodotti di bellezza a base di bava di lumache e cera d’api.
• Stile “giardino dell’Eden”: con i fichi secchi, le cui proprietà afrodisiache erano celebrate dagli antichi greci, con le composte a base di cipolla rossa che hanno un elevato contenuto di ossido nitroso (il principio attivo del viagra), con le nocciole che aumentano la fertilità e stimolano la produzione di testosterone negli uomini e con le composte a base di more.
• Stile salutista: con frutta e verdura di stagione, olio extravergine, pasta, salumi, formaggi, farine ai grani antichi, prodotti di bufala.
• Stile “cinquanta sfumature di giallo”: con le più diaboliche varietà di peperoncino e zafferano, tra i principali alleati di una vita amorosa “accesa” grazie alle proprietà vasodilatatorie.

Inoltre dedicato alle famiglie, con ingresso aperto a tutti, alle ore 15 presso la saletta di Spazio Comune di Cremona si terrà un incontro con il dietologo da titolo “La salute in tavola”. Organizzato da Donne Impresa Coldiretti, l’appuntamento sarà l’occasione per utili consigli sulla corretta alimentazione. Per tutti, in dono, la scheda “Attenti al peso”.

© Riproduzione riservata
Commenti